James Ferraro

Edward Flex Presents: Do You Believe in Hawaii?

2009 (New Age) | weird-noise, ambient, psichedelia

Metà degli Skaters, James Ferraro continua a produrre opere in solitaria che davvero si fa fatica a digerire.

I deformi, oscuri e immondi mantra rumoristi della band messa su insieme con Spencer Clark si ritrovano solo in parte in un’opera come “Edward Flex Presents: Do You Believe in Hawaii?”, contesa tra miasmi in libera uscita di sintetizzatori old-school, umori sci-fi e droni sfatti. Un suono stordente ma anche stranamente “celestiale”. Gli amanti a oltranza delle stranezze noise & dintorni andranno, come al solito, in visibilio, incapaci di guardare in faccia la nuda e cruda realtà di un musicista che non ha proprio nulla da dire.

Non basta storpiare il suono fino all’inverosimile per guadagnarsi la stima degli ascoltatori. Servirebbero la fantasia, il talento e una visione ben definita: tutte cose che Ferraro dimostra pienamente di non possedere. E se continuiamo ad ascoltare la sua musica, è solo perché siamo curiosi di vedere fin dove sarà capace di spingersi prima di lasciar perdere.

Per ora, quindi, “Chrome Wave Arena” è un delirio drone-psichedelico dissestato e paludosissimo. Un coacervo tortuoso di suoni-rumori che si permette il lusso di intonare, improvvisa, una sorta di fanfarina inacidita suonata, probabilmente, da una band di studentelli brufolosi che ha preso per la prima volta gli strumenti in mano.

Il minimalismo sintetico e circolare di “Underwater Muscle“, solcato da brutture vocali e sfasci sonici purulenti, e l’ipotesi colonna-sonora-telefilm-anni-Ottanta tutto polizia e pupe di “Steel Escape” sono tra le cose più inutili ascoltate quest’anno.
Anzi, no! Dimenticavo i trentatré minuti di “Hawaiin Gain”, limite ultimo di questo mostruoso, troglodita free-noise ultra-psichedelico, dove la ragione non ha spazio e la follia troneggia. Roba assolutamente indigesta, registrata frullando un po’ di tutto, senza alcun criterio.
Musica brutta per rappresentare un mondo ancora più brutto? Intellettualismi insulsi, su cui molti critici stanno costruendo carriere...

(21/08/2009)

  • Tracklist
1. Chrome Wave Arena         
2. Underwater Muscle         
3. Steel Escape         
4. Hawaiin Gain
James Ferraro su OndaRock
Recensioni

JAMES FERRARO

Sushi

(2012 - Hippos in Tanks)
Dopo la sbornia sintetico-naif di "Far Side Virtual", il musicista americano vira verso territori wonky-house ..

JAMES FERRARO

Far Side Virtual

(2011 - Hippos in Tanks)
Il disco più pulito del sopravvalutatissimo artista americano



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.