Mi And L'Au

If Beauty Is A Crime

2012 (Important Records) | chamber pop, songwriter

A poco meno di tre anni di distanza da "Good Morning Jokers" e dopo aver sedotto buona parte della critica specializzata con il loro folk-pop da camera (da letto, con le tendine tirate), torna la coppia più bella del mondo (indie): Mi And L'Au. La bella favola di Mira Romantchuck e Laurent Leclere - la modella e il musicista che si ritirano in una casetta innevata nei boschi della Finlandia a comporre inni e odi al loro piccolo mondo sperduto e amoroso - ha conservato nel tempo un fascino innegabile e arriva al terzo capitolo presagendo poche ma percepibili variazioni rispetto al canovaccio originale. Quella più evidente è che il picking e le trame acustiche dei lavori precedenti sono perlopiù soppiantate da una delicata e minimale texture elettronica che dà luogo a un'atmosfera più ipnotica e rarefatta ma incide limitatamente sullo stile e sulla scrittura che poggia ancora in gran parte sulle melodie torpide e sussurrate, sui duetti discreti, su un'armonia fragile e crepuscolare, un po' Vogue e un po' Nouvelle Vague.

Non tragga dunque in inganno l'enfasi un po' lugubre e impostata dell'opener "Territory Is An Animal" con i suoi archi, i suoi rulli di tamburi e i melismi glaciali, poiché la coppia ci mette pochi minuti a riprendere la strada vecchia (con scarpette nuove) nella title track: sorta d'idillio gainsbourghiano su base synth punteggiata e un po' vintage. Così se le belle "360" e "Limouzine" titillano con la loro dolcezza decadente e mitteleuropea sfumata da archi e tastiere, il sonetto per piano e voce di "Magic 80" e il cantato in madrelingua di Mira in "Valdren" ciondolano in un'aura languida e fiabesca.
Altrove "L'Au" Leclere perfeziona i suoi ricami electro giocando per sottrazione sulle lievissime dissonanze e i tocchi glitch di "Porcupine", i quasi scratch soffusi nel sottofondo di "Silk", fino alle quinte gelidi e ai breakbeat della conclusiva "Warrior".

In definitiva, Mi And L'Au confermano l'incanto sottile e particolare della loro proposta musicale che rimane sostanzialmente fedele a se stessa al di là degli spunti elettronici che scongiurano solo in parte il rischio insito nella ripetizione. Parafrasando il titolo: in nessun caso la bellezza può essere considerata un crimine, tutt'altro, ma se ci si sofferma troppo a lungo davanti allo specchio a rimirarla si può cadere nel peccato (veniale) del narcisismo. Disco comunque piacevole nel complesso.

(20/01/2012)

  • Tracklist
  1. Territory Is An Animal
  2. If Beauty Is A Crime
  3. 360
  4. Limouzine
  5. Magic 80
  6. Porcupine
  7. Faces
  8. Varlden
  9. Silk
  10. One Day
  11. Warrior
Mi and L'au su OndaRock
Recensioni

MI AND L'AU

Mi and L'au

(2005 - Young God Records)

Mi And L'Au on web