Milagres

Glowing Mouth

2012 (Memphis Industries) | pop-rock

Non è difficile prevedere il destino di "Glowing Mouth", album d'esordio degli americani Milagres. Il limbo al quale è destinato non è dei peggiori, nonostante la loro musica soffra di troppi rimandi per poter emergere nella produzione di questi anni.
Non mancano elementi per affermare che la band abbia tutti i canoni per poter fare una dichiarazione d'indipendenza in futuro, e in attesa che l'handicap del già sentito si diradi, è importante indicare le linee direttive dell'album.

Le intuizioni creative dell'indie-rock più maturo sono la materia base, dai Radiohead ai Coldplay passando per Grizzly Bear, Doves e Wild Beasts. Chitarre a cascata, percussioni e tastiere elettroniche amabilmente retrò incorniciate da una scrittura sapiente ma prevedibile.
Una buona padronanza tecnica rende godibile tutto il disco; nonostante la mancanza di originalità, le influenze non coprono del tutto la personalità del gruppo e ci sono molti spazi vuoti che inseguono una maggiore autonomia stilistica.

"Glowing Mouth" è un buon album, suonato e composto da un gruppo innamorato dei loro idoli. "Lost In The Dark" è un mid-tempo dai toni dark e possenti alla Doves, "Here To Stay" si diverte con i ritmi frastagliati dei Grizzly Bear immergendoli in salsa Coldplay.
Si prosegue tra i toni più drammatici e oscuri di "Glowing Mouth", interessanti spazi riflessivi come quelli di "To Be Imagined" che restano in bilico tra Bon Iver e David Sylvian e omaggi alle stranezze dei songwriter innamorati dell'elettropop in "For Disposal", ma manca il colpo di fulmine, ovvero quella frase o quell'errore che renda più interessante la copia dell'originale.

Forse Kyle Wilson e compagni hanno preso troppo sul serio la loro passione per la musica. Sarebbe bene lasciarsi un po' andare, perché non sempre la crescita va di pari passo con la maturità.


Glowing Mouth

(29/03/2012)

  • Tracklist
  1. Halfway
  2. Here To Stay
  3. Glowing Mouth
  4. Gentle Beast
  5. Lost In The Dark
  6. Fright Of Thee
  7. Moon On The Sea's Gate
  8. Gone
  9. For Disposal
  10. To Be Imagined
  11. Doubted
Milagres su OndaRock
Recensioni

MILAGRES

Violent Light

(2014 - Kill Rock Stars, Memphis Industries)
Una nuova rinascita per la band di Brooklyn, all'insegna dell'art-pop

Milagres on web