Cut Copy

Free Your Mind

2013 (Modular) | electro-pop, dance

Tralasciando l'innocuo debutto "Bright Like Neon Love" del lontanissimo 2004, gli australiani Cut Copy hanno saputo attirare (e non poco) la nostra attenzione, sia con l’eccellente “In Ghost  Colours”, sia con il successivo “Zonoscope”, grazie soprattutto a un’intensa freschezza “pop” carica di echi euro-dance, perennemente in bilico tra flussi house-oriented, sovraincisioni a dir poco maniacali, pimpanti vaneggi synth-pop capaci di innescare il più delle volte una danza particolarissima e a suo modo elegantissima. Tanta roba, insomma.

Trascorsi quindi due anni dalla loro ultima apparizione, con il coloratissimo “Free Your Mind” i ragazzi di Melbourne puntano ancora una volta le loro attenzioni al recente (ma non troppo) passato. I favolosi Ottanta e gli incalzanti Novanta suggeriscono dunque la migliore ricetta melodica possibile, mentre la produzione resta particolarmente elaborata nella regolazione dei singoli dettagli. Tuttavia, a prendere pretenziosamente il sopravvento sono gli accecanti rimandi screamadelici sparsi un po’ in tutto il disco. Si prenda ad esempio l’introduttiva title track o la magnetica “Let Me Show Your Love” (quest’ultima un vero e proprio inchino alla seducente formula di Gillespie e soci).

In alcuni momenti, invece, sembra di rivivere il fascino dei vecchi juke-box da spiaggia, vedi la potenziale hit “In Memory Capsule”, l’esplosiva “Meet Me In The House Of Love” e la sfrenatissima “Footsteps”, a rasentare un ipotetico punto d’incontro tra Matt Johnson, gli stessi Primal Scream, certa italo-disco e la miglior Desirelles.
Non mancano inoltre episodi meno spinti, ma non per questo poco luminosi, come la marcia epica e corale di “Walking In The Sky”, o la sognate ballad “Dark Corners & Mountains Tops”, con tanto di scia funkeggiante a rassicurare definitivamente gli umori.

In conclusione, “Free Your Mind” conferma l’eccellente stato di salute della band australiana. Un disco che semplifica gli sfrenati stilemi del passato sotto una veste più accesa e oltremodo variopinta, senza mai eccedere nella più prevedibile delle riprese ad effetto.

(13/12/2013)

  • Tracklist

1. (Intro)
2. Free Your Mind
3. We Are Explorers
4. Let Me Show You Love
5. (into the desert)
6. Footsteps
7. In Memory Capsule
8. (above the city)
9. Dark Corners & Mountain Tops
10. Meet Me In A House Of Love
11. Take Me Higher
12. (the waves)
13. Walking In The Sky
14. Mantra

Cut Copy su OndaRock
Recensioni

CUT COPY

Zonoscope

(2011 - Modular)
Un viaggio sospeso tra cielo e terra nel ritorno del terzetto australiano

CUT COPY

In Ghost Colours

(2008 - Modular Interscope)

Le colorate sonoritą electro-dance della formazione australiana

News
Cut Copy on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.