Yamon Yamon

Uisu

2013 (Tenderversion) | math-rock, soft-emo

Il pericolo di questi anni, in cui l’attività di musicista è per molti più che altro un hobby da coltivare nel tempo libero, è non sentirsi troppo legati alle aspettative del pubblico. Non importa se un disco esce “tardi”, o sembra la brutta copia del precedente. Il rapporto coi propri ascoltatori svanisce, e con questo forse anche un pizzico di tensione creativa.
In questo preambolo si collocano anche gli Yamon Yamon, giunti al difficile secondo disco senza aver accresciuto sostanzialmente, in questi anni che hanno seguito il sorprendente “This Wilderlessness”, il proprio seguito, perlomeno nel mondo occidentale.

E così si avverte, in “Uisu”, una pigrizia artistica che porta a mettere in secondo piano la sostanza delle canzoni, in favore del semplice piacere di tornare a suonare insieme (sempre molto bene, se non altro). “Clear Up”, tra i lanci del disco, si accartoccia tra blande linearità e abbozzate pause impressionistiche; mancano, più in generale, il senso della progressione, la tensione immediatamente percepibili nell’esordio, qui dissolti in vaghe digressioni elettroacustiche (“The Catcher Goodbye”) e e molli riflessioni (“Wishing Bone”).
Più beneaugurante era stata la prima canzone a essere rivelata, “Sticks/Stones”, un docile pattern ripetuto sulla solita ritmica irregolare e organica – l’unico pezzo a risvegliare le sensazioni di “This Wilderlessness”.

Insomma un disco minore preventivabile per una band che si trova sul sottile crinale tra la descrizione delle emozioni, così sfuggenti, e la capziosità fine a sé stessa. Gli spunti nuovi ci sono (il finale di “Anchor”, inaspettatamente psych-folk) ma sono per adesso una promessa casuale.

(17/05/2013)



  • Tracklist
  1. Wishing Bone
  2. Sticks/Stones
  3. Clear Up
  4. Money For Problems
  5. Trembles
  6. Zen Fashion
  7. Any Port In The Storm
  8. The Catcher Goodbye
  9. Anchor


Yamon Yamon su OndaRock
Recensioni

YAMON YAMON

This Wilderlessness

(2010 - Tendervision)
Esordio fulminante per questa band di Stoccolma, tra raffinatezze della scuola di Chicago e brio giovanile ..

Yamon Yamon on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.