Drums

Encyclopedia

2014 (Minor) | synth-pop

Terzo album in studio per il duo di Brooklyn, dopo il fulminante esordio omonimo del 2010 e la conseguente conferma, l’anno successivo, con “Portamento”. Jonathan Pierce e Jacob Graham si sono presi più tempo per metabolizzare l’ennesimo cambio di formazione e realizzare queto “Encyclopedia”. Come li ritroviamo? Le influenze sono sempre quelle (Smiths, la C86, New Order, il surf) e, di conseguenza, sempre unoriginal. La differenza sta tutta nel fatto che i Drums hanno deciso di esagerare e di abbondare su tutto.
 
Ci sono più chitarre luccicanti, c’è (molta) più drum machine, più distorsione, i brani sono dilatati e la voce risulta quanto di più artefatto possibile. Quando funziona, arrivano i pezzi memorabili, come la casablanchiana “There Is Nothing Left”, la sognante “Wild Geese” o “I Can’t Pretend”, dove sembrano i Rapture alle prese con una cover dei Pixies.
Non mancano nemmeno momenti di grande lucidità pop (“Kiss Me Again”) e stilettate a cavallo tra post-punk e dark-wave (“Face Of God”), ma l’impressione è che questa volta i Drums si siano adagiati troppo, cercando di replicare ossessivamente, ma con minore fortuna, la formula vincente che li aveva fatti apprezzare in passato.
Insomma, i Drums hanno dato ai fan ciò che i fan volevano: melodie immediate, beat incalzanti, handclapping a oltranza. Tutto molto bello, ma già ampiamente sentito.
 
In alcuni frangenti, la band sembra anche volersi scrollare di dosso quella patina dorata e artificiosa che la ricopre, azzardando ritmiche al limite del punk per sonorità lo-fi e ritmo. Ma è come se non ne fosse pienamente convinta: manca la rabbia, nonostante testi non certo positivi, e tutto finisce con il perdersi nella spesso eccessiva durata dei brani.
In sintesi: un disco che si fa ascoltare bene, ma che alla fine si lascia poco alle spalle, se non una manciata di canzoni.

(21/10/2014)

  • Tracklist
  1. Magic Mountain
  2. I Can’t Pretend
  3. I Hope Times Doesn’t Change Him
  4. Kiss Me Again
  5. Let Me
  6. Break My Heart
  7. Face Of God
  8. .S. National Park
  9. Deep In My Heart
  10. Bell Laboratories
  11. There Is Nothing Left
  12. Wild Geese
Drums su OndaRock
Recensioni

DRUMS

Brutalism

(2019 - Anti)
Il quinto disco dei newyorkesi, ormai proprietà del solo Johnny Pierce

DRUMS

Portamento

(2011 - Moshi Moshi)
Il secondo attesissimo album della formazione newyorkese

DRUMS

The Drums

(2010 - Moshi Moshi)
L'album di debutto del quartetto di New York, tra beach-pop e reminiscenze new wave

News
Drums on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.