Kaleida

Think

2015 (Lex)
electro-pop

Nel saturo mercato discografico odierno, l'extended play è forse il mezzo più valido per stuzzicare a dovere la curiosità del pubblico senza impegnarlo per la durata di un album intero. Ferma restando la ferrea regola che necessita almeno di un singolo capace di entrare nei giri giusti, già con un'azzeccata manciatina di canzoni si può creare un'aspettativa che vada oltre la fugace curiosità da one hit wonder estiva. Alle Kaleida al momento sta andando più o meno così - sono giunte ad aprire anche alcuni concerti di Róisín Murphy.
Le sorti sono state dettate dall'inserimento di un loro pezzo nella colonna sonora del film d'azione americano "John Wick", il che fa pure sorridere, visto che "Think" si gioca su un peculiare quanto riuscito ritornello a metà strada tra "Stereo Love" e le torride atmosfere del celebre remix di "Missing" degli Everything But The Girl - tutto tranne che un blockbuster americano, insomma, ma lo scopo del regista pare fosse proprio quello di usare un brano volutamente scarno e delicato per contrastare alla violenza della scena. Baciato da un sync di tutto punto, "Think" è partito alla volta dell'etere, portando per il momento oltre venti milioni di visualizzazioni su YouTube.

Ma l'equilibrio si ripete con innata grazia anche sulle restanti cinque tracce dell'Ep, forti di un songwriting estremamente semplice ma che non cede mai a banalità; la voce di Christina Wood veleggia soffice e a tratti molto suggestiva, mentre le tastiere di Cicely Goulder punteggiano fraseggi minimalisti ed eterei. Ecco dipingersi il malinconico ritornello di "Take Me To The River" (vero e proprio stravolgimento del celebre pezzo di Al Green), le curiose intrusioni notturne di "The Call" che quasi ricordano certi episodi degli Eurythmics di "1984 (For The Love Of Big Brother)", i sollucheri tropicali di "Tropea" e l'inquisitore andazzo trip-hop di "Aliaa", con ennesimo ritornello di grande effetto nella sua semplicità. La strofa di "Ruby", poi, sembra quasi un furbissimo rimaneggiamento di "Fever" (magari nella versione madonnara?).
Tutto è ancora da vedersi ovviamente, forse le Kaleida imploderanno in un breve sbuffo di fuffa grigiolia come la nebbia che le cattura in copertina, oppure a breve giungerà una più corposa conferma. Ma con sole 6 tracce in lista, "Think" è un ascolto delizioso.

23/07/2015

Tracklist

  1. Think
  2. Tropea
  3. The Call
  4. Ruby
  5. Take Me To The River
  6. Aliaa

Kaleida sul web