Lawrence English

Viento

2015 (Taiga) | field recordings

Dopo l'exploit dell'anno scorso a colpi di piccole gemme e di un capolavoro totale come "Wilderness Of Mirrors", Lawrence English inaugura questo 2015 con un nuovo Lp per la piccola e benemerita Taiga. Il background di questo "Viento" è il medesimo da cui era nato "Shadow Of The Monolith", la collaborazione dell'anno scorso con Werner Dafeldecker: da quelle stesse registrazioni effettuate durante una spedizione in Antartide, English estrae e seleziona una serie di field recordings cui unico protagonista, come già suggerito dal titolo, è il vento.

Masse d'aria che si muovono a tratti compatte e ad altri sparpagliate in forma di singoli spiri, il gelo che s'impossessa fin dal primo minuto del soundscape. Tutt'attorno la desolazione, la pseudo-Natura impervia del Polo Sud, luoghi dove la vita in senso biologico è ridotta ai minimi termini. English si conferma autentico prodigio nell'evocare scenari e percezioni attraverso il suo verbo sonoro, sia esso votato a un impressionismo strettamente musicale ed emotivo, o come in questo caso a un paesaggismo sonoro di matrice iperrealista.

Due lunghe suite riescono così a risultare decisamente più pregnanti ed efficaci di una semplice fotografia o di un filmato, giocandosela alla pari per intensità con un ricordo autentico. I primi venti minuti narrano di una giornata in quel della Bassa Patagonia, introducendo dunque al paesaggio a suon di raffiche convulse. A differenza di quanto fatto con Dafeldecker, l'elaborazione in chiave scientifica delle testimonianze sonore viene a mancare: qui l'obiettivo non è un prospetto preciso, bensì un'evocazione. È la Natura a suonare senza filtri, anziché essere "fatta suonare" ad hoc.

Nella più breve ma più intensa "Antarctica" il vento assume i tipici connotati polari: la frastagliata intermittenza lascia spazio a un soffio costante e incessante, attraverso il quale è fin troppo semplice percepire le drastiche temperature del luogo. Un esercizio per l'udito e per le sue capacità percettive, messe nelle condizioni di sostituire quelle della vista e di generare nell'ascoltatore un'astrazione pensabile.
Materia complessa da gestire, elaborare e perfezionare senza correre il rischio di contaminarla. English ci riesce di nuovo, in un lavoro semplicemente magistrale.

(07/03/2015)

  • Tracklist
  1. Patagonia
  2. Antarctica
Lawrence English su OndaRock
Recensioni

LAWRENCE ENGLISH

Lassitude

(2020 - Room40)
Il ritorno del ricercatore sonoro australiano con lunghi droni dedicati a due compositori d'avanguardia ..

LAWRENCE ENGLISH

Cruel Optimism

(2017 - Room40)
Il primo album "corale" del sound artist australiano è un atto di protesta in tempi bui

LAWRENCE ENGLISH

Approaching Nothing

(2016 - Baskaru)
"Ascoltare l'ascolto": l'arte del field recording come pratica relazionale

LAWRENCE ENGLISH

Wilderness Of Mirrors

(2014 - Room40)
Una nuova prospettiva di interazione tra impeto e sacralità nell'ultimo lavoro dell'australiano ..

News
Lawrence English on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.