Marie Davidson

Adieux Au Dancefloor

2016 (Cititrax / Minimal Wave) | techno, synth-pop

Marie è una delle figure di maggior rilievo dell’odierna e prolifica scena musicale di Montréal, QC. Partecipe di esperienze avant-jazz come i due dischi del collettivo Land Of Kush, con Sam Shalabi, e il primo disco di Matana Roberts, “Coin Coin Chapter One: Les Gens de Couleur Libres” (2011) – tutti usciti per Constellation Records – Marie è nota nell’ambiente come multistrumentista e spoken-word artist. Da anni complice di Pierre Guerineau nel progetto dark-elettronico Essaie Pas – che ci aveva particolarmente colpiti al festival Suoni per il Popolo 2015 – l’artista québécoise torna con una terza prova solista solida, potente e affascinante, dopo appena un anno dal suo album “Un Autre Voyage” (2015, Holodeck) e all’indomani del disco in duo “Domain Est Une Autre Nuit" (2016, DFA).

“Adieux Au Dancefloor” è un progetto spoken-word di techno/wave minimale coniugato alla prima persona, in cui, nel tipico e unico stile della città di Montréal, il cantato in francese affianca quello in inglese. Si parte con il travolgente tiro di “I Dedicate My Life”, che detta le coordinate ritmiche e timbriche di un intero disco dedicato alla (sua) vita da dj e musicista elettronica. Si legge infatti in filigrana l’intensa esperienza live dell’artista canadese, i suoi sensuali dj-set ad alta frequenza di pulsazioni che generano brani in cui si alternano squarci oscuri e ipnotici (“Interfaces”, “La Femme Écarlate”, “Inferno”) a momenti nostalgici e seducenti (“Good Times”, “Adieux Au Dancefloor”). Episodi come “Denial”, poi, trascinano il corpo così tanto da invitare a disperdere l’energia emanata dai beat nel ballo.

Marie lavora soprattutto con attrezzatura analogica ed effetti a pedale, costruendo le sue canzoni con sintetizzatori e drum machine e strutturandole tramite mixer e sequencer. Emblema dell’unione di tutti questi elementi è il brano “Naive To The Bone”, in cui Davidson canta: “So you think I’m too soft?/ I’ve got nothing to prove, I have no advice for you/ But, remember what Terrence said: The last dance, we dance alone”.

Minimale e percussivo, a tratti acido e visionario (“Inferno”, “Planète Ego”), “Adieux Au Dancefloor” è un disco maturo e intenso, da ascoltare più volte a volume sostenuto. Meno legato alle atmosfere cinematiche fosche della prova precedente e della musica di Essaie Pas, è un disco che esplora la vitalità notturna (dell'autrice) in pista, nei locali e nei festival di elettronica di tutto il mondo.

(03/07/2017)

  • Tracklist
1. I Dedicate My Life
2. Interfaces
3. Naive To The Bone
4. Denial
5. La Femme Écarlate
6. Good Vibes (Mocking Birds)
7. Inferno
8. Planète Ego
9. Adieu Au Dancefloor
Marie Davidson su OndaRock
Recensioni

MARIE DAVIDSON

Working Class Woman

(2018 - Ninja Tune)
La polistrumentista di Montréal si conferma tra i nomi più interessanti dell'elettronica ..

MARIE DAVIDSON

Un Autre Voyage

(2015 - Holodeck)
Il pop sintetico e dal retrogusto horror della musicista canadese

Marie Davidson on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.