Burial

Rodent

2017 (Hyperdub) | deep house, dubstep, footwork

Il 2017 verrà ricordato come uno degli anni più intensi per William Bevan, il quale dopo aver scosso un po' tutti con il desolatissimo Ep da due tracce "Subtemple", lasciando trasparire ancora una volta l'immane disagio che lo contraddistingue mediante momenti di pura ambient dai vaghi risvolti dub, contornata a più riprese da un climax perfetto per qualche cupa pellicola muta in bianco e nero, ha finalmente deciso di abbandonare per un attimo la propria trascinante melanconia, regalandoci qualcosa di estremamente diverso.

"Rodent" segnala dunque una totale divergenza dal mood oscuro e alienato delle due tracce sganciate nella prima metà dell'anno, e mette in bella mostra un approccio totalmente votato a certa deep-house. A tratti sembra di ascoltare il Larry Heard (!) più deep dei Novanta. Burial riempie l'atmosfera con i suoi classici e reiterati inserti vocali dal vago piglio soul e salta fuori finanche un sax a intermittenza. Uno smacco per tutti coloro che dopo i fasti del precedente Ep avevano già sentenziato la fine dell'imprevedibilità del Nostro e del suo amore per la cassa dritta in quattro quarti.

Ma non è tutto. A spiazzare ancor di più, è la successiva rivisitazione della medesima traccia ad opera di sua maestà Kode9, il quale stravolge letteralmente l'impasto con una stropicciatura personalissima a base di ritmi jangle, improvvise sterzate cibernetiche al synth e cambi di direzione epocali e da capogiro che negli ultimi due minuti lanciano letteralmente in orbita quanto creato in origine da Burial.
Un remix capolavoro in stile footwork che definire il migliore dell'anno è un eufemismo. E un Ep che sorprende e che finalmente rigenera.

(04/11/2017)

  • Tracklist
  1. Rodent
  2. Rodent (Kode9 Remix)
Burial su OndaRock
Recensioni

BURIAL

Tunes 2011-2019

(2019 - Hyperdub)
La prelibata cernita dei singoli rilasciati negli ultimi due lustri dal producer londinese

BURIAL

Pre Dawn/Indoors

(2017 - Nonplus)
Tanta cattiveria e selvaggina hardcore nel terzo Ep dell'anno del produttore inglese

BURIAL

Subtemple

(2017 - Hyperdub)
Il primo Ep a sorpresa dell'anno dell'acclamato e misterioso producer londinese

BURIAL

Young Death/Nightmarket

(2016 - Hyperdub)
L'ennesimo Ep del misterioso e acclamato producer della Hyperdub

BURIAL

Rival Dealer

(2013 - Hyperdub)
L'improvvisa celestialità nel settimo Ep dell'acclamato produttore inglese

BURIAL

Kindred Ep

(2012 - Hyperdub Records)
Cassa dritta, ali spiegate e un'oscura speranza nelle tre tracce del genio inglese

BURIAL

Truant

(2012 - Hyperdub)
Secondo Ep in questo 2012 per l'acclamato produttore londinese

BURIAL

Street Halo

(2011 - Hyperdub)
Tre succulente tracce nell'avvincente Ep di sua maestà William Bevan, aka Burial

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il misterioso produttore londinese aggiorna la sua visione del dubstep

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il capolavoro assoluto del genere dubstep e della musica elettronica del nuovo millennio

BURIAL

Burial

(2006 - Hyperdub)
Il primo Lp di un impenetrabile producer inglese

News
Burial on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.