Azalia Snail

Neon Resistance

2018 (Silber) | alt-pop, avant-pop

La sibilla psichedelica Azalia Snail, pur rimanendo fedele al suo spirito do-it-yourself, muta finalmente e in tutto e per tutto in intrattenitrice di motivetti con “Neon Resistance”, ennesimo esempio della sua capacità di ottenere molto dal poco (tastiera economica e Pc), del suo passatismo non corrivo, della sua scrittura creativa e delle sue orchestrazioni ancora una volta bislacche (tutto il suo classico ripieno di echi, riverberi ed effetti).

L’anthem d’apertura “Celeste” (un piccolo tributo al West coast sound: organetto e schitarrate spavalde alla Hendrix) e poi “Weekend Back” (ritmo ribattuto, trombette squittenti e squinternate) espongono virtù e vizi della sua estetica. Lo shuffle elettronico “Field Rep”, degno dei Saint Etienne, una “Made Out Of Honey” che rimembra anche i Fiery Furnaces più melodici, le semplici ma fatate filastrocche di “Every Day Is Your Day” e “Save This Place” e, culmine, la cantata altissima “Ode To Vega” su vocalizzi, sospiri e ritmo rimbalzante, formano il cuore dell’opera, un cuore di tempi ballabili, sudamericani a tratti (miglior esempio è “Cherry Blossom”) e melodie felici, pur basate su tiritere che mostrano inevitabili segni di senilità.

Defenestrata l’ispirazione cosmica, l’artista del Maryland corregge con classica trasparenza e serena sincerità le febbri di transizione dei predecessori “Avec Amour” (2006) e “Celestial Respect” (2011). Modi e forme suoi tipici sono espressi al livello del pop - spesso davvero basico - ma con scatto e gran propulsione, fino a renderlo il disco meglio disegnato e più consumabile del tardo periodo. C’è di mezzo la decennale competenza di visionaria, non ultima l’esperienza col marito Dan West (presente anche qui) a nome LoveyDove. Quasi ogni pezzo potrebbe divenire una hit futura del lo-fi, eppure solo due sono i momenti davvero toccanti: l’inno Diana Ross-iano “I Am The Night Sky”, per droni d’elettronica a basso costo e poco altro, e “The Wild One Forever”, il suo requiem per Tom Petty.
Anche in cassetta su Thokei Tapes.

(24/04/2018)

  • Tracklist
  1. Celeste (Can You Feel It?)
  2. Field Rep
  3. Cherry Blossom
  4. Made Out Of Honey
  5. The Wild One Forever
  6. Save This Place
  7. Every Day Is Your Day
  8. Ode To Vega
  9. Head On Over
  10. Weekend Back
  11. Moral Chemist
  12. I Am The Night Sky
LoveyDove su OndaRock
Recensioni

LOVEYDOVE

LoveyDove

(2014 - La's Fine)
La sottovalutata autrice psichedelica alle prese con il suo primo album interamente melodico

AZALIA SNAIL

Celestial Respect

(2011 - Silber)
Il pop atipico e sgangherato dell'artista californiana

Azalia Snail on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.