Costanza Francavilla

Children Of The Universe

2019 (Silent Frequencies) | progressive electronic, ethereal

Ho sempre creduto nell’esperienza trascendentale del suono, a come le frequenze possano avere un impatto sugli stati di coscienza. E a come ciò possa proiettarci in una dimensione 'cosmica’, ultraterrena. 'Children Of The Universe' è un progetto nato da una colonna sonora di un film che parla di un viaggio alla scoperta dell'Universo attraverso gli occhi di un gruppo di bambini. Comporre per questo film è stato un momento di 'svolta' per me, perché ho sentito per la prima volta di esprimere in musica il mio approccio 'cosmico' del suono attraverso l’uso dell’elettronica combinata con strumenti di meditazione.

Sono queste le parole della compositrice elettronica Costanza Francavilla per esplicare il senso più profondo alla base di “Children Of Universe”. Sei fluttuazioni sognanti nello spazio siderale, alla ricerca di una quiete suprema: sono gli elementi caratteristici di un’opera eterea. Archi e stasi voltaica. La progressive electronic di Ciani nel cuore e il richiamo della natura da tappeto a movimenti che inondano grazia e seppelliscono l’angoscia. Il disco, il primo per la sua Silent Frequencies, è stato realizzato per sonorizzare il docu-film di Camille Baduin che racconta dell’esperienza dell’astrofisica della Nasa Stephanie Juneau mentre guida un gruppo di fanciulli alla scoperta delle stelle e del cosmo.

Si inizia con lo svolazzo kosmische della title track e si prosegue con la partitura terzomondista di “Ethernal Journey”, quasi un’evocazione celeste sulla scia del Florian Fricke di “Spirit Of Peace”. Pace, innanzitutto. Il canto di un angelo in lontananza, cristalli che si muovono lemme lemme, a sciogliere l’anima e qualcos’altro, prima di danzare nel vuoto infinito, in una lenta ascesa verso la bellezza di un cosmo mai così lenitivo per lo spirito (“The Stars Dances In The Circles”).
Lo spazio infinito è, del resto, l’ambiente a cui ispirarsi per creare movimenti eterei cullanti, in cui è il divino a muovere i sensi (“Into The Infinite Space”). Si torna sull’amata terra con “Black Holes & White Lights”, il momento più “cupo” e dilatato del lotto. Mentre in coda le inclinazioni new age del Deuter in fuga dal mondo dei primi anni 80 tornano in auge, rincuorando con un dolcissimo sfarfallio di suoni.

L’esperienza trascendentale della musicista e produttrice italiana di stanza a Ibiza prosegue al meglio. La sua musica è un toccasana. Un divenire magico, in cui le galassie giocano a scacchi con l’immaginazione, tra nebulose di synth in festa e danze ultraterrene (“Floating Between Galaxies”).

(22/03/2020)

  • Tracklist
  1. Children Of The Universe
  2. Ethereal Journey
  3. The Stars Dance In Circles
  4. Black Hole & White Light
  5. Into The Infinite Space
  6. Cosmic Dust
  7. Floating Between Galaxies
Costanza su OndaRock
Recensioni

COSTANZA

Sonic Diary

(2008 - Zerokilled)
Il debutto della cantautrice romana, giÓ collaboratrice di Tricky

Costanza Francavilla on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.