Perry Farrell

Kind Heaven

2019 (BMG) | alternative rock

Erano diciotto anni - dal 2001 di "Song Yet To Be Sung" - che Perry Farrell non si faceva sentire, almeno discograficamente parlando. Certamente all'ex-leader di Jane's Addiction e Porno For Pyros non si può imputare di essere tornato con un disco per cavalcare l'onda dell'impetuoso revival anni 90 che imperversa in questi anni. Lui che con le band di cui sopra, ma anche fondando una specie di multinazionale dei festival estivi quale Lollapalooza, ha facilitato la diffusione di uno degli ultimi modelli funzionanti di music business, non può che essere tornato perché mosso da urgenza espressiva. Data la qualità barcollante del disco, da esprimersi più in termini di live che altro – un corposo tour è stato già annunciato.

Schizofrenico e con un codice genetico instabile, “Kind Heaven” finisce però proprio con l'essere un compendio di tardi anni 80 e 90, con Farrell a fare da istrionico e tarantolato interprete di decine di generi, mescolati peraltro in soli trentuno minuti di musica. L'attacco con “(Red, White And Blue) Cheerfulness” e “Pirate Punk Politician” è puro alternative rock a cavallo tra i due decenni, con la prima canzone a srotolare vibrazioni Jane's Addiction e la seconda più politica e affacciata sul crossover. Gli episodi più pop sono quelli in cui Farrell si fa aiutare da una controparte femminile; “Machine Girl”, un alternative pop cibernetico à-la No Doubt, e l'Ebm “Spend The Body”.

L'apporto di un produttore di lusso come il veterano Tony Visconti si fa sentire nelle costanti, e talvolta gustose, inserzioni orchestrali, che donano sensazioni cinematografiche a “More Than I Could Bear” e all'accorata “Let's All Pray For This World”, ma anche alla superflua “One”, una ballad elettrica che si potrebbe immaginare duettata dal peggiore Bono e da Axl Rose. Barlumi di talento trapelano invece dai movimenti snodati della tortuosa, zappiana “Snakes Have Many Hips”.

Privo di qualsiasi spunto moderno e di canzoni capaci di attirare l'attenzione di nuovi ascoltatori, “Kind Heaven” è una classica opera only for fan. E nemmeno per tutti, viene da dire. Rimane l'occasione di stringersi al proprio beniamino in un abbraccio live, ma era davvero necessario un disco?

(26/07/2019)

  • Tracklist
  1. (Red, white, and blue) Cheerfulness
  2. Pirate Punk Politician
  3. Snakes Have Many Hips
  4. Machine Girl
  5. One
  6. Where Have You Been All My Life
  7. More Than I Could Bear
  8. Spend the Body
  9. Let's All Pray for This World


Perry Farrell on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.