Protomartyr

No Passion All Technique (deluxe)

2019 (Domino) | post-punk, garage-rock

Dopo i positivi riscontri ottenuti per “The Agent Intellect” (2015) e ancor più per “Relatives In Descent” (due anni più tardi) e in concomitanza con l’annuncio della fine delle registrazioni che stanno conducendo all’attesissimo quinto album, i Protomartyr, from Detroit, ripubblicano l’introvabile disco d’esordio, da tempo fuori catalogo, viste le appena 300 copie in vinile a suo tempo realizzate dalla Urinal Cake Records, che si sommarono ad alcune versioni autoprodotte su cassetta e diffuse all'epoca direttamente dalla band.

Rinchiuso verso la fine del 2011 in una sala prove per buttar giù giusto qualche idea, e magari tirar fuori un Ep, il quartetto ne uscì con un bel gruzzolo di canzoni improntate su un ruvido garage chitarroso che da subito ne caratterizzò il personale approccio sonoro.
Il riff insistito di “In My Sphere” ci introduce nel mondo di John Casey e soci, fra brucianti invettive che si consumano nel giro di meno di due minuti (“Hot Wheel City”, “Call Me Out My Name”, “Bubba Helms”), qualche frangente più melodico (“3 Swallows”), veloci scariche punk (“Free Supper”, “Wine Of Ape”) e decisi declamati che esprimono l'ormai caratteristico stream of consciousness del leader (“Too Many Jewels”).

Il brano che si staglia sugli altri è “Jumbo”, il quale ai consueti riferimenti a Fall e Stooges aggiunge screziature Sonic Youth e ombrosità wave: una composizione dai toni chiaroscuri che resta tutt'ora fra le loro migliori. Alle tredici track dell’originale "No Passion All Technique" (titolo apertamente auto-ironico), il gruppo aggiunge quattro bonus risalenti alle medesime session, che completano la sensazione di urgenza che pervade quelle registrazioni: quattro ore di tempo a disposizione, durante le quali furono fissate ben ventuno tracce. Diciassette sono qui dentro, finalmente disponibili per fan e curiosi. Prendete e godetene tutti.

(20/08/2019)

  • Tracklist
  1. In My Sphere
  2. Machinist Man
  3. Hot Wheel City
  4. 3 Swallows
  5. Free Supper
  6. Jumbo’s
  7. Ypsilanti
  8. Too Many Jewels
  9. (Don’t You) Call Me Out My Name
  10. How He Live After He Died
  11. Feral Cats
  12. Wine of Ape
  13. Principalities
  14. King Boots (Bonus Track)
  15. Bubba Helms (Bonus Track)
  16. Cartier E.G.s (Bonus Track)
  17. Whatever Happened to the Saturn Boys? (Bonus Track)


Protomartyr su OndaRock
Recensioni

PROTOMARTYR

Consolation

(2018 - Domino)
Micidiale Ep che completa il lavoro di "Relatives In Descent", con Kelley Deal delle Breeders ..

PROTOMARTYR

Relatives In Descent

(2017 - Domino)
Il quartetto di Detroit sfodera il proprio manifesto post-punk, senza mai rinunciare a brillanti atmosfere ..

PROTOMARTYR

The Agent Intellect

(2015 - Hardly Art)
La band di Detroit tra post-punk, melodia e sprazzi rumoristi

News
Protomartyr on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.