Stereo Total

Ah! Quel Cinema!

2019 (Tapete) | synth-pop, retr, nouvelle vague

Il caleidoscopio sonoro degli Stereo Total torna a girare e a creare canzoncine multicolori, annunciando al tempo stesso l’ennesimo cambio di etichetta (la Tapete), ma nessuna sostanziale evoluzione della formula: la miscela di elettro-pop, psichedelia primigenia, lounge e scampoli assortiti di funk e rock’n’roll funziona ancora alla grande, assicurando piacevoli digressioni dall’ascolto di progetti finto–intellettuali o di album potenzialmente destinati a rivoluzionare gli ascolti in streaming.
“Ah! Quel Cinema!” ha al contempo il fascino necessario per catturare nuovi adepti al culto euro-trash del duo franco-tedesco.

Coerenza e intuito non mancano a Brezel Goering e Françoise Cactu, che approfittano del cambio di scuderia per proporre un gradevole bignami del loro surreale pop retrò.
Le quattordici istantanee sonore sono piacevolmente grezze, come se il duo avesse modellato il tutto con scarti e residui armonici e ritmici. Ed è da questa astrazione compositiva che nasce una delle migliori canzoni del lotto, “Brezel Says”, che oltre a rubare la melodia a un brano di Lou Reed (non è difficile indovinare quale) cita la “Da Da Da” dei Trio, agitando e oscillando il tutto con malizioso distacco emotivo.
L’agrodolce atto d’amore per la natura underground della cultura pop è la forza motrice degli Stereo Total, percepibile nella frenesia adolescenziale di “Ich Bin Cool”, nel brioso elettropop di “Mes Copines” (che ricorda il brano dei Matia Bazar “Il video sono io”) e nell’eccellente pop alla francese di “Sur Un Fil”.

Eccentrico e amabilmente incoerente, “Ah! Quel Cinema!” riesce a tramutare i suoi difetti in pregi. Nonostante la presenza di molti brani che fungono da semplice collante, è impossibile non notare geniali intuizioni come l’algida funk-dance di “Keine Musik” o il dissoluto romanticismo di “Methedrine”, due brani che nelle mani di artigiani pop come Jeff Lynne aspirerebbero a ben altre vette artistico/commerciali.
Prendere o lasciare, gli Stereo Total non sembrano voler far evolvere la loro formula verso qualcosa di più sostanzioso, timorosi forse di tradire quella natura garage-underground che è da sempre alla base del loro stile.

Ad onor di cronaca, “Ah! Quel Cinema!” non sempre regge il confronto con il precedente album “Les Hormones”, ma il duo riesce ancora a stupire (“Electroshocktherapie”), e di questi tempi è un buon segno di vitalità.

(31/12/2019)

  • Tracklist
  1. Einfach
  2. Ich Bin Cool
  3. Mes Copines
  4. Cinemascope
  5. Methedrine
  6. Die Dachkatze
  7. My Idol
  8. Hass-Satellit
  9. Brezel Says
  10. Le Spleen
  11. Sur Un Fil
  12. Dancing With A Memory
  13. Keine Musik
  14. Elektroschocktherapie
  15. Methedrine Disco-Mix (bonus track ltd edition)
  16. Strahlende Zukunft (bonus track ltd edition)
  17. Einfach Kompliziert (bonus track ltd edition)
  18. Hass-Satellit II (bonus track ltd edition)
  19. Jalousie De Ta Cigarette (bonus track ltd edition)
  20. Elektroschocktherapie A Capella (bonus track ltd edition)






Stereo Total su OndaRock
Recensioni

STEREO TOTAL

Yy Existentialiste

(2015 - Blow Up Records)
Una ricca antologia con nuovi remix, per il duo degli Stereo Total

STEREO TOTAL

Musique Automatique

(2001 - Extra Labels)

Stereo Total on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.