Car Seat Headrest

Making A Door Less Open

2020 (Matador) | indie-rock, electro-pop

Negli ultimi tre video pubblicati sul canale YouTube dei Car Seat Headrest, corrispondenti ad altrettanti singoli estratti dal nuovo "Making A Door Less Open", il protagonista indossa una maschera antigas dotata di due led al posto degli occhi. Un concept attuale, si dirà, che gioca in maniera apparentemente opportunista sia con la necessità di protezione dalla minaccia esterna che con il senso di separazione conseguente al social distancing. Ma si dà il caso che Will Toledo abbia elaborato questa rappresentazione ben prima che la pandemia diventasse l'oggetto principale dei nostri pensieri e, soprattutto, sulla base di un percorso di motivazioni completamente diverso. Schiacciato spesso da un'analisi del suo talento legata all'immagine dell'adolescente rinchiuso nella sua cameretta intento a caricare materiale su Bandcamp, Will ha deciso infine di offrire al pubblico l'opportunità di apprezzare un'immagine più sincera di sé, creando un alter ego, Trait, e facendogli indossare paradossalmente una maschera. 
Citando Dylan ("se qualcuno indossa una maschera, ti dirà la verità… se non la indossa, è altamente improbabile"), il ventottenne della Virginia, ormai di stanza a Seattle, si è ricordato della sua tendenza a essere ancora nervoso sul palco, quando gli occhi del pubblico gli sono addosso. Da qui, una scelta che appartiene sia alla sfera dell'intrattenimento che al desiderio di sentirsi più onesto possibile: se tutti guardano la maschera, allora sembra che tutti (Will compreso) guardino la stessa cosa. Con questi presupposti, è anche più facile comprendere il titolo del disco, orientato verso la necessità di arginare le speculazioni e rendere la porta meno aperta alle interpretazioni dall'esterno.

Il nuovo materiale è frutto di una collaborazione: quella tra i Car Seat Headrest e gli 1 Trait Danger (progetto parallelo composto da Toledo/Trait e dal batterista dei CSH, Andrew Katz). L'intero l'album è stato dapprima registrato con il tradizionale metodo chitarre, batteria e basso, poi nuovamente in ottica più tecnologica, agevolata da synth e superfici di controllo MIDI (evidente nel video del primo singolo "Can't Cool Me Down"); i due approcci sono stati infine combinati per filtrare gli ambienti sonori più adatti ai brani.
La nota prolungata nell'opener "Weighlifters" è il preludio a un sottobosco di incastri ritmici che si dispiega poco per volta giocando su elettricità à-la Talking Heads, nei quali Toledo sembra già farsi prendere dall'urgenza di comunicare il punto di vista di Trait ("I see the patterns in things/ I never knew this was a part of me/ A wolf sings in the choir/ I feel the tension/ I'm afraid it will break/ I should start lifting weights"). La successiva e già citata "Can't Cool Me Down" ha il compito di delineare meglio i termini del nuovo corso: una scrittura sempre riconoscibile, chiaramente influenzata da uno spleen anni Novanta, ma desiderosa di aggirarsi per il mondo indossando abiti nuovi.

Non sta giocando a darsi una spolverata intellettuale, Will; il suo passo è scevro dalla coolness obbligata di Kevin Parker. Anche quando l'immaginario si rende più manifesto, come nei riferimenti PavementBeck-iani di "Hollywood" (che scontorna i compromessi ai quali ogni aspirante attore, nei primi tempi moralmente integro, deve cedere per entrare nel mondo dell'industria cinematografica) o nei bordoni ipnotici e frastagliati in chiave Wilco di "There Must Be More Than Blood", Toledo riesce a cristallizzare i tratti distintivi del suo lessico, sempre in bilico tra quieto disagio e ironica veemenza; un invidiabile connubio che continua ad ammantare i suoi lavori fin dall'esordio per Matador.

"Making A Door Less Open" non è un semplice giocattolino con cui shakerare influenze nineties (commoventi quelle in "Life Worth Missing") e sperimentazioni sintetiche ("Hymn - Remix"), ma un tentativo ambizioso di mettere da parte canoni strofa/ritornello (ai quali peraltro Toledo non è mai stato particolarmente avvezzo) e concedersi il lusso di uscire più allo scoperto artisticamente.
E Will non è più quello della cameretta, anche se per conoscerlo davvero è ancora fondamentale partire da lì, dal quel piccolo universo al riparo da sguardi indiscreti in cui tutto è possibile. "I turn the page/ Each pen mark leaves a trace/ Stars turn in place/ I still can see your face" ("Martin") è il messaggio. E arriva anche da sotto la maschera.

(04/05/2020)

  • Tracklist
  1. Weightlifters
  2. Can't Cool Me Down
  3. Deadlines (Hostile)
  4. Hollywood
  5. Hymn - Remix
  6. Martin
  7. Deadlines (Thoughtful)
  8. What's With You Lately?
  9. Life Worth Missing
  10. There Must Be More Than Blood
  11. Famous




Car Seat Headrest su OndaRock
Recensioni

CAR SEAT HEADREST

Commit Yourself Completely

(2019 - Matador)
Will Toledo si misura nella dimensione live, con una backing band a disposizione

CAR SEAT HEADREST

Twin Fantasy

(2018 - Matador)
Will Toledo risistema e completa il suo capolavoro post-adolescenziale

CAR SEAT HEADREST

Teens of Denial

(2016 - Matador)
Il "vero" esordio di Will Toledo su Matador, all'insegna dell'indie-rock anni 90

News
Car Seat Headrest on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.