Destroyer

Have We Met

2020 (Merge Records) | songwriter

Con "Have We Met" Dan Bejar arriva al dodicesimo capitolo della discografia targata Destroyer. Un disco interessante poiché convivono all'interno aspetti peculiari dell'autore insieme a scelte e stacchi rispetto alle precedenti fasi. La formazione che accompagna il canadese non è mai stata così scarna e vede John Collins ai synth, macchine e produzione (cosa che fa da un po' nei New Pornographers) e il chitarrista Nicolas Bragg: un saldo binario dove concedersi completamente per pensare a testi e performance vocale. Un cantato spesso rasente la sentita e intima confidenza, forse più per se stesso che per l'ascoltatore.
A marcare tale aspetto, il fatto che il canadese abbia registrato la parti vocali in cucina a tarda notte direttamente su Garage Band: ciò che sentiamo nelle tracce finali è il frutto al massimo della seconda take casalinga. Qui subentra un altro aspetto dei Destroyer: quell'iniziale lo-fi acustico - abbandonato per virare verso più corposi lidi strumentali ("Thief"), fino ai capolavori "Your Blues" (2004) e "Destroyer's Rubies" (2008) - ora è un'elettronica minimale lontana dai fasti 80's del bel predecessore "ken". In "Have We Met" riecheggia molto il Cohen di "You Want It Darker", ma il manifesto musicale attuale lo declama Bejar stesso in "Cue Synthesizer", dal titolo già abbastanza esplicito:
Did you realize it was hollow?
Like everything that's come before, you are gone
The idiot's dissonant roar
That exquisite gong struck dumb
Cue synthesizer
Cue guitar
Bring in the drums
Cue fake drum
Ci si potrebbe aspettare un disco freddo e asettico, dove gli esperimenti al computer prendono il posto dell'anima, invece l'iniziale "Crimson Tide" ci mostra tutt'altro, palesando anche un tocco melodico molto catchy, che sfocerà nel bel singolo apripista "It Just Doesn't Happen". Abbandonata l'idea di fare un album sul millennium bug, Dan Bejar non abbandona la preoccupazione e le riflessioni per questi tempi moderni e continua a essere uno dei songwriter più ricchi e versatili in circolazione, senza perdere un grammo di oscura intensità e quieta malinconia. Scortato dal caldo e ormai marchio di fabbrica timbro vocale, l'autore inserisce all'interno nel disco una sequela di protagonisti tormentati alternati a stream of consciousness, come "The Raven", la canzone più bella di "Have We Met" insieme a "The Man In Black's Blues".

Lavoro coeso e ispirato, chiuso dal bellissimo slancio di chitarra di "Foolsong", "Have We Met" ci presenta - parafrasando il tanto amato Cohen - l'ennesima gradita new skin for an old ceremony di Bejar, continuando così un percorso musicale tra i più validi degli ultimi decenni.

(31/01/2020)

  • Tracklist
  1. Crimson Tide
  2. Kinda Dark
  3. It Just Doesn't Happen
  4. The Television Music Supervisor
  5. The Raven
  6. Cue Synthesizer
  7. University Hill
  8. Have We Met
  9. The Man in Black's Blues
  10. Foolssong


Destroyer su OndaRock
Recensioni

DESTROYER

Ken

(2017 - Merge)
Via fiati e archi per far spazio all'elettronica nel nuovo cambio di rotta della band canadese

DESTROYER

Poison Season

(2015 - Merge)
Passano gli anni, ma Dan Bejar continua a incantare con il suo songwriting raffinato

DESTROYER

Five Spanish Songs

(2013 - Merge)
Apre alla Spagna il nuovo corso artistico di Dan Bejar

DESTROYER

Kaputt

(2011 - Merge)
Un altro folgorato dagli anni 80: Dan Bejar in un disco dalla forma inappuntabile ma dalla sostanza stucchevole ..

DESTROYER

Archer On The Beach Ep

(2010 - Merge)
Un nuovo esperimento ambient per il cantautore di Vancouver, affiancato da Tim Hecker e Loscil

DESTROYER

Trouble In Dreams

(2008 - Merge)
Nuovo appuntamento con Bejar e il suo songwriting tra sogno e memoria

DESTROYER

Destroyer's Rubies

(2006 - Merge Records)

News
Destroyer on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.