Hugo Race And The True Spirit

Star Birth / Star Death

2020 (Gusstaff) | blues, psych, instrumental

Nascita e morte. Ascesa e caduta. Rabbia e ricerca della serenità. Difficoltà della vita e prescrizioni per riemergere. Ritrovarsi stretti fra due eventi catastrofici e raccogliere la forza necessaria per uscirne. I drammatici incendi in Australia, il disastro inenarrabile e imprevedibile della pandemia, costruire una strada per continuare a vivere, e per provare a sognare ancora. Hugo Race estrae dal cilindro un progetto ambizioso: due album estremamente diversi, ma fra loro complementari, con un filo conduttore unificante. Ventiquattro canzoni suddivise equamente fra introverso ed eclettico dark blues/psych rock (“Star Birth”) e sperimentazioni (non soltanto) elettroniche (“Star Death”).

Un’opera imponente, giunta in perfetto orario per festeggiare il trentennale d’attività dei True Spirit, attualmente composti, oltre che da Race, da Michelangelo Russo, Nico Mansy, Chris Hughes, Bryan Colechin e Brett Poliness. Un disco compattissimo ma al contempo estremamente variegato, una sorta di racconto in parole e musica del complicato periodo che stiamo attraversando, la visualizzazione di una discesa agli inferi per la quale non è ancora stato sancito il definitivo ritorno.
“Star Birth”, il capitolo più “musicale” dei due, si consuma fra i morbidi ricami acustici di “Darkside”, l’ansiolitica “Embryo”, le ascendenze pinkfloydiane di “Heavenly Bodies”, il blues desertico di “Holy Ghost”, gli spiragli jazzy di “Expendable”, l’angoscia di “The Rapture” e le chitarre tremolanti nel crepuscolo di “Where Does It End”.

Poi si cambia disco e si muta registro, completamente, ritrovandosi immersi in rumorismi e dilatazioni cosmiche, grosso modo le stesse già percorse da Race nel recente progetto Gemini 4. “Star Death” è una raccolta di esperimenti sintetici e prevalentemente strumentali che riescono nell’intento di imprimere un senso di tensione costante, l’ideale soundtrack per un film post-apocalittico nemmeno troppo immaginario. Pianoforte e archi che accarezzano il cuore (“Love Is The Energy”), un battito cardiaco immerso nell’infinità del cosmo (“Virus Of The Mind”), la forza liberatoria del ritmo (“Angels Whostleblowin’”), jazz e ambient (“All We Have Is Love”).

La salvezza è dietro l’angolo, e Hugo Race prova a disegnare una via di fuga dal disastro, certo che dopo ogni fine possa sempre seguire un nuovo inizio.

(16/12/2020)

  • Tracklist

Star Birth

  1. Can’t Make This Up
  2. 2Dead2Feel
  3. Darkside
  4. Embryo
  5. Heavenly Bodies
  6. Only Money
  7. Holy Ghost
  8. Everyday
  9. United
  10. Expendable
  11. The Rapture
  12. Where Does It End

 

Star Death

  1. Divided
  2. Love Is The Energy
  3. Virus Of The Mind
  4. Angels Whistleblowin’
  5. All We Have Is Love
  6. Hungry Ghost
  7. Only Honey
  8. Can’t Make Shit Up
  9. My Little Wars
  10. Etheric Bodies
  11. Gnosis
  12. Spirale








Gemini 4 su OndaRock
Recensioni

GEMINI 4

Gemini 4

(2019 - Gusstaff)
Il nuovo side-project electro-vintage di Hugo Race inaugura un'esplorazione dai tratti cosmici ..

HUGO RACE & FATALISTS

We Never Had Control

(2012 - Gusstaff, Interbang)
Torna Hugo Race con una manciata di canzoni di buona scrittura

HUGO RACE

Fatalists

(2010 - Interbang)
L'ex Birthday Party e Bad Seeds nel deserto, a caccia di fantasmi

Hugo Race And The True Spirit on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.