Nada Surf

Never Not Together

2020 (City Slang) | indie-pop

Non rivoluzioneranno la storia della musica, non cambieranno mai registro stilistico, eppure se cercate lo svago e il piacere che solo il pop di qualità sa offrire, qui avete chi lo sa fare in maniera superba. Sono i paladini dell'indie americano Nada Surf, giunti al nono disco battezzato “Never Not Together”, registrato in Galles ai Rockfield Studios, celebri per aver ospitato Iggy PopEcho & the BunnymenOasis, e aver pubblicato per City Slang.

L'abbraccio melodico di “So Much Love” inaugura a dovere un disco incentrato sui temi dell'interconnessione e dei rapporti umani. Argomenti trattati à-la Nada Surf: con parole semplici e dirette, sentite e sincere, fuse alla perfezione ad accordi nitidi e ritmi accattivanti, per non parlare dei soliti ritornelli da ko. Segue il bell'intreccio di chitarre di “Come Get Me”, dove l'intensa performance vocale di Matthew Caws è sostenuta dalla novità sonora più lampante: i synth curati dall'amica e compagnia di battaglia Louie Lino, perfettamenti innestati nella scintillante struttura dei brani.
L'eccellente tripletta power-pop si chiude alla grande con il motto “Live Learn & Forget”: poi arriva “Just Wait”, il ballatone che ci si aspetta sempre dalla band che ha composto forse la canzone d'amore più bella della storia recente dell'indie pop-rock, ovvero “Inside Of Love”. Questa volta, però, il sentito passaggio tratta anche le problematiche del crescere e i tanti contrasti del mondo dei giovani: “Love and work and where you live/ And what you take and what you give”.

In questa potenziale scaletta di tutti singoli, ecco “Something I Should Do”, in cui ritorna lo spoken che ha marchiato a fuoco “Popular”, la hit per eccellenza dei Nada Surf, impegnati stavolta nel declamare il bel messaggio in linea sia con “Never Not Together” sia con tutta la discografia del gruppo: “Empathy is good, lack of empathy is bad.” E' “Mathilda” a spiccare nella seconda parte, con i momenti calmi alternati e impennate rock, a raccontarci una sofferta vicenda di crescita e formazione.

Chiuso dalla trascinante “Ride The Unknow”, “Never Not Together” mostra i Nada Surf ancora capaci di trattare i tanti piccoli drammi e le avventure della quotidianità in maniera mai banale, sia sotto l'aspetto testuale che dal punto di vista compositivo.

(18/02/2020)

  • Tracklist
  1. So Much Love 
  2. Come Get Me 
  3. Live Learn & Forget
  4. Just Wait 
  5. Something I Should Do 
  6. Looking For You
  7. Crowded Star
  8. Mathilda 
  9. Ride In The Unknown


Nada Surf su OndaRock
Recensioni

NADA SURF

You Know Who You Are

(2016 - City Slang)
Ancora una raccolta fragrante e amichevole per la band di Matthew Caws

NADA SURF

B-Sides

(2014 - Barsuk)
Seconda raccolta di outtake e rarità per la band di Matthew Caws

NADA SURF

The Stars Are Indifferent To Astronomy

(2012 - Barsuk)
La produzione del trio power-pop newyorkese si arricchisce di un altro capitolo, senza stupire né ..

NADA SURF

IF I Had A Hi-Fi

(2010 - Mardev)
Il trio newyorchese ritorna con una raccolta di cover

NADA SURF

Lucky

(2008 - City Slang/ V2)
Il ritorno in salsa sixties del trio newyorkese

NADA SURF

Let Go

(2002 - Barsuk)
L'opera più sfavillante nella carriera dei newyorkesi, al termine di una fase difficile

News
Nada Surf on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.