Sunwatchers

Oh Yeah?

2020 (Trouble In Mind) | jazz, psych-rock, avantgarde

Già dai primi vagiti discografici, Jeff Tobias, Jason Robira, Jim McHugh e Peter Kerlin avevano dimostrato di saper gestire un flusso di elementi e influenze stilistiche con una personalità e un’originalità ammalianti.
L’eclettico jazz-rock dal forte connotato psichedelico, appena turbato da stimoli noise-rock, non era materia facile da trasferire dagli infuocati set live, che li hanno portati all’attenzione di pubblico e critica, su asettici supporti fonografici, ma i Sunwatchers hanno pian piano smussato le derive vintage, a tutto vantaggio di una libertà creativa e artistica che si è perfino incrociata con il punk-jazz di Eugene Chadbourne, trovando la giusta sinergia tra forma e contenuto.

Approdata alla Trouble In Mind con l’album “Illegal Moves”, la band ha raggiunto una consolidata formula sonora, collocandosi in un improbabile scenario a metà strada tra Frank Zappa e i King Gizzard, con la benedizione di Alice Coltrane, Fugs e Don Cherry.
La formazione newyorkese con “Oh Yeah” si conferma band si punta della scena psychedelic-jazz, grazie a un album che rasenta la perfezione senza essere per nulla conciliante. Istinto e agilità incendiano i riff ossessivi e le irregolari e furenti cacofonie, valicando spesso i confini di genere, fino a lambire le lande grunge (“The Conch”), senza perdere neanche per un attimo quel fascino ipnotico e malsano che è il marchio dei Sunwatchers.

Sia ben chiaro che non v’è nulla di regolare nella musica del quartetto: dissonanze e eufonie sono all’ordine del giorno in una tavolozza sonora che genera groove jazz-rock a base di sax e chitarre frenetiche per l’iniziale danza tribale di “Sunwatchers Vs. Tooth Decay”, reinventa la spiritualità di Don Cherry intercettandone la profondità con il circular breathing alla Colin Stetson nell’iconica “Brown Ice” e alza i toni con fare minaccioso e non del tutto gradevole nel kraut-hard-rock-blues alla High Tide di “Thee Worm Store”.
Non fatevi ingannare dalle festose trame di “Love Paste”, unico breve episodio dove i Sunwatchers rallentano il passo e accennano un brivido etnico: nulla è scontato nell’universo dei quattro artisti americani.

Perfetta sintesi, nonché miglior espressione del tragitto artistico della band, i quasi venti minuti di “The Earthsized Thumb” sono l’apoteosi di una summa stilistica che mette sullo stesso piano Albert AylerTalk Talk, Sun Ra, Terry Riley e Jimi Hendrix, una sequenza di nomi forse imbarazzanti per qualsiasi altra band ma non per i Sunwatchers, che consegnano a questo anno in corso una suite jazz-rock-psych destinata a entrare negli annali e un disco intenso e originale come pochi. Sublime.

(05/08/2020)



  • Tracklist
  1. Sunwatchers Vs. Tooth Decay
  2. Love Paste
  3. Brown Ice
  4. Thee Worm Store
  5. The Conch
  6. The Earthsized Thumb




Sunwatchers su OndaRock
Recensioni

SUNWATCHERS

Brave Rats

(2020 - Trouble In Mind)
Piccolo compendio di inedite versioni cover per l'album "Oh Yeah"

Sunwatchers on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.