Melvins

Five Legged Dog

2021 (Ipecac) | acoustic-rock

Primo album acustico per i prolifici Melvins, a fungere da compilation di una carriera ultratrentennale ma anche da curiosa operazione ironica di ricontestualizzazione del proprio catalogo: la band dei suoni esplosivi, delle distorsioni assassine, dei brani stentorei e assordanti diventa per l'occasione un combo acustico che si scopre più meditativo, malinconico e persino poetico. I collegamenti segreti con i Beatles e altre realtà dei Sessanta si alternano ai riflessi del grunge con cui sono imparentati nel loro codice genetico, spiazzando ancora una volta noi ascoltatori.

La scaletta è, neanche a dirlo, sterminata: 36 brani in due ore e mezzo totali. Questa volta, però, non c'è la tendenza a voler punire l'ascoltatore che spesso hanno manifestato, ma un tentativo calibrato di scartare di lato per rileggere i classici da una prospettiva differente, o donare nuova vita a brani meno in vista del loro repertorio. Si esaltano così gli aspetti psichedelici di "Edgar The Elephant" e quelli ipnotici della doppia "Hung Bunny/Roman Dog Bird", mentre spesso rifulge il songwriting classicamente rock che originariamente era celato da una veste sonora importante, come in "Billy Fish".
Pur spogliati degli arrangiamenti originali, i pezzi continuano a manifestare il magnetismo delle interazioni piene di tensione fra batteria e chitarre ("Eye Flys", "Oven", "Anaconda") e il capolavoro "Boris" rimane un esempio di musica thriller da manuale.

Pur alleggeriti dal punto dei decibel, i nostri sono comunque più che capaci di suonare inquietanti, minacciosi, oscuri, fosse anche con una strana sfumatura rurale come in “Revolve”. Inevitabilmente, è l’occasione anche per qualche cover, fra rilettura fantasiose e altre più calligrafiche, fra cui meritano segnalazione per motivi diversi la malinconia sgangherata di “Everybody’s Talking” di Fred Neil, che mette in luce una componente inedita della loro estetica, e la loro rilettura di “Halo Of Flies” di Alice Cooper, una febbricitante esplorazione psych-folk.

Selezione atipica per un "best of" sui generis, ma dai Melvins non ci si poteva aspettare altro. Nella sua natura meticcia di compilation e inedito, “Five Legged Dog” può attirare tanto chi conosce a fondo la storia della formazione, fungendo da rilettura creativa volta a esplorare nuove angolazioni, quanto chi fosse a digiuno del loro repertorio, evitando a questi ultimi l’impatto frontale con un sound che, in molte parti della carriera, si è trincerato nella sua ostilità e che qui, invece, viene smussato senza snaturarsi completamente.
Rimaniamo in attesa della prossima trovata di questi inguaribili guasconi.

(04/11/2021)

  • Tracklist

1. Edgar The Elephant
2. Up The Dumper
3. Hung Bunny/Roman Dog Bird
4. Hooch
5. Billy Fish
6. Shevil
7. Charlie (Redd Kross cover)
8. A Growing Disgust
9. Eye Flys/Woman (Woman Free cover)
10. Pitfalls In Serving Warrants 
11. Outside Chance (The Turtles cover)
12. Evil New War God 
13. The Bloated Pope 
14. Bad Move 
15. With Teeth 
16. Halo of Flies (Alice Cooper cover)
17. Oven
18. Sway (The Rolling Stones cover)
19. Anaconda 
20. Lovely Butterfly 
21. Boris 
22. It’s Shoved 
23. Honey Bucket 
24. We Are Doomed
25. Flypaper (Brainiac cover)
26. Let God Be Your Gardener 
27. At The Stake 
28. Night Goat
29. Queen 
30. Everybody’s Talking (Fred Neil cover) (feat. Jeff Pinkus)
31. Revolve 
32. Suicide In Progress 
33. Prig
34. The Bit
35. Civilized Worm
36. Don’t Forget to Breathe (feat. Jeff Pinkus)

Melvins su OndaRock
Recensioni

MELVINS

Working With God

(2021 - Ipecac)
Trentasette minuti di divertimento in compagnia della mitica band di Montesano

MELVINS

Pinkus Abortion Technician

(2018 - Ipecac)
L'ennesimo disco della band di King Buzzo non brilla certo per inventiva, ma sferra i suoi colpi

MELVINS

Freak Puke

(2012 - Ipecac)
King Buzz riscrive per i 2/3 la pozione magica dei Melvins

MELVINS

The Bride Screamed Murder

(2010 - Ipecac)
Il solito hard-rock granitico e senza compromessi per la band di King Buzzo Osbourne

MELVINS

Nude With Boots

(2008 - Ipecac)
L'ennesimo lavoro dei padri del grunge, nel solco della tradizione

MELVINS

Houdini Live 2005

(2006 - Ipecac)

News
Melvins on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.