Benjamin Clementine

And I Have Been

2022 (Preserve Artists) | art-pop, baroque-pop

L'enigma Benjamin Clementine sembra ben lungi dall'essere interamente svelato. Vincitore del Mercury Prize nell'anno 2015 con il folgorante e poetico esordio "At Least For Now", visionario e poco incline alla seduzione del successo, come comprovato dall'ambizioso seguito "I Tell A Fly", il cantautore inglese, attualmente di stanza in America, non ha smussato né i contenuti fortemente politici e sociali dei propri testi, né l'eccentrica e colta genesi musicale. Neanche la recente performance come attore nel film "Dune" di Denis Villeneuve ha modificato la strategia artistica di Clementine, nonostante "And I Have Been" ostenti alcuni segnali di alleggerimento della struttura narrativa e musicale.

L'album è stato annunciato dall'artista come il suo ultimo progetto discografico, anzi il penultimo, essendo diviso in due parti (il secondo capitolo sarà pubblicato nel 2023). Un disco decisamente più autobiografico e personale, in cui Clementine racconta non solo dei difficili trascorsi da homeless nei meandri di Parigi (l'incalzante singolo a tempo di slow-calypso "Genesis"), ma anche il profondo imbarazzo intellettuale nel confrontarsi con la vacuità del rapporto tra artista e stampa (la struggente "Weakend" e la vezzosa "Lovelusterman").
Benjamin Clementine affronta il tutto con quella fragilità post-romantica che ne identifica fin dagli esordi l'originale e intensa poetica, anche se "And I Have Been" contrappone all'ardua sperimentazione di "I Tell A Fly" un tono più austero e dolente. Alla stravaganza subentra una rigogliosa vena melodica che ben si concilia con la recente passione di Benjamin per Erik Satie, in primo piano non solo nella suggestiva escursione pianistica e strumentale di "Last Movement Of Hope", ma anche nella canzone più bella dell'album: "Copening".

Il musicista inglese fa sue le regole del chamber-pop alterandone le grazie con graffi lirici e vocali ("Residue"), enfatizzandone la tensione drammatica con archi e cori gospel ("Delighted"), o smorzandone l'impeto nel vorticoso crescendo lirico di "Gypsy, BC".
Il tono più mesto e le più ariose dinamiche strumentali non ingannino: il nuovo disco di Benjamin Clementine è ricco di invenzioni ed estrose composizioni. Un album che conferma la sua volontà di restare fuori dalle regole del business discografico, anche a costo di deludere le aspettative di critica e pubblico. Una purezza artistica che di questi tempi è non solo rara, ma anche un atto di coraggio.

(23/11/2022)

  • Tracklist
  1. Residue 
  2. Delighted 
  3. Difference
  4. Genesis
  5. Gypsy, BC
  6. Atonement 
  7. Last Movement Of Hope
  8. Copening
  9. Weakend 
  10. Auxiliary
  11. Lovelusterman 
  12. Recommence




Benjamin Clementine sul web