No Strange

...E continuerò ad esistere

2022 (Area Pirata/ Psych Out) | rock psichedelico

I No Strange sono fin dagli anni 80 un gruppo imprescindibile per chi voglia approfondire la psichedelia italiana. Indubbiamente, rispetto a molte altre formazioni del periodo del cosiddetto revival garage e neopsichedelico, il gruppo torinese ha dimostrato di avere uno spessore superiore. I No Strange nascono nei primi anni 70 come RA-GEBEL, formazione in cui troviamo già Ursus e Alberto Ezzu. Ursus prenderà parte anche al nascente movimento punk. Si formano quindi i No-Strani in seguito diventati No Strange. Oggi sono ancora molto attivi e hanno realizzato di recente questo nuovo album intitolato “...E continuerò ad esistere”, pubblicato da Area Pirata e Psych Out per il momento solo in un vinile limitato a 500 copie.

Fin dalla copertina psichedelica e visionaria disegnata da Ursus si può entrare nell’atmosfera lisergica di un disco che è anche è figlio del tragico periodo funestato dalla pandemia del Covid. Rispetto agli album precedenti traspare quasi un senso di maggior intimità, come se Ursus e Alberto Ezzu, ritrovatisi da soli come all’inizio della loro carriera, fossero tornati allo spirito e al suono originari dei No Strange. La copertina del vinile è apribile e all'interno si trova un fascicolo di 8 pagine, contenente i testi di Ursus e di Alberto Ezzu, pubblicati su disco dal 1985 ad oggi e introdotti da una presentazione di Fiorella Gentile.
Fin dall’iniziale “Forse è fuggita” siamo proiettati in universo allo stesso tempo remoto e attuale, con testi sempre efficaci e profondi. Le sonorità, invece, svelano una psichedelia liquida non priva di elementi folk, che rimandano alla lezione della Incredible String Band e dei Kaleidoscope californiani. Merito anche di una strumentazione molto ricca in cui, oltre a chitarra, basso, batteria e synth, compaiono anche il liuto medievale e il saz turco. La voce di Paola Scatena riesce poi a donare un tocco surreale ai brani.

“Congiunzione di vite” riporta alla mente le meditazioni spirituali dei Popol Vuh, mentre “Il fiume sotto le piramidi” fa rivivere i misteri dell’antico Egitto. ”Il Tao dell’immaginazione” è un altro dei pezzi forti dell’album e, in un certo senso, chiude il cerchio, ricollegandosi al primo leggendario album dei No Strange. Impossibile non perdersi nelle ambientazioni oniriche e cosmiche di questa musica. La conclusiva “Tangeri” chiude in maniera sublime questo viaggio epico a ritroso nel tempo verso ere dimenticate.
“...E continuerò ad esistere” è un capolavoro mistico che ci porta letteralmente in un’altra dimensione.

(19/06/2022)

  • Tracklist
  1. Forse è Fuggita
  2. Lanciami Un Fiore
  3. Congiunzione Di Vite
  4. Il Fiume Sotto Le Piramidi
  5. L'Universo In Volo
  6. Addormentarsi Sembrerebbe Naturale
  7. Il Tao Dell'Immaginazione
  8. La Luce Perpetua
  9. Tangeri
No Strange su OndaRock
Recensioni

NO STRANGE

Universi e Trasparenze

(2015 - Psych Out/Area Pirata)
Un delizioso 10" per celebrare il trentennale di "Trasparenze e Suoni" del duo neo-psych

No Strange on web