Blah Blah Blah

Electro non si nasce...si diventa!

Le conversioni al Verbo dei synth

di Davide Sechi

Un susseguirsi di annunci, di testimonianze, di avvistamenti. Dai sospetti alle prime conferme e poi, senza pietà, la valanga. Di sintetizzatori. Il rock, il pop, il soul, persino il folk, l'heavy e il blues si sono fatti sempre più sintetici nel corso dell'ultimo lustro. Che succede? Ne vale la pena? Quanto durerà?

Ascolta o scarica gratuitamente il podcast:



Electro non si nasce...si diventa - le conversioni al Verbo dei synth

Marco e Davide, con in mano le ultimissime prove dell'andazzo, vi raccontano la restaurazione del synth-pop (e parentado tutto). Non dimenticate di attaccare la spina.

Potete iscrivervi alla pagina Facebook di Blah Blah Blah, dove trovate i podcast da scaricare, le scalette,  e tutte le news relative alla trasmissione. E per interagire in diretta, abbiamo anche la pagina del gruppo in cui lasciare i vostri commenti.




Playlist
Scaletta del programma
 

Prima parte 
01 Tame Impala - Lost In Yesterday - The Slow Rush (2020)
02 Editors - Violence - Violence (2018)
03 The Strokes – Games – Angles (2011)
04 Phoenix - Fleur de Lys – Ti Amo (2017)
05 Trans Am - I Want 2B Ignored – California Hotel (2017)
 
Accadde Oggi
06 Jon & Vangelis - I Hear You Now - Short Stories (gennaio 1980)
 
Seconda parte
07 Saint Etienne - Magpie Eyes - Home Counties (2017)
08 Kasier Chiefs - Press Rewind – Stay Together (2016)
09 Tracey Thorn – Babies – Record (2018)
10 Lloyd Cole - Night Sweats – Guesswork (2019)
11 Toy - Always on My Mind - Songs of Consumption (2019)
 
News
12 Pet Shop Boys - Monkey Business – Hotspot (2020)
13 of Montreal - Gypsy That Remains (feat. Locate S,1) - UR FUN  (2020)
14 Wild Nothing - Blue Wings - Laughing Gas  (2020)
 
Spazioitalia
15 Thegiornalisti - Per Lei – Fuoricampo (2014)
 
Terza parte
16 Tame Impala - Borderline- The Slow Rush (2020)
17 Mark Lanegan Band - Penthouse High - Somebody's Knocking (2019)
18 The Divine Comedy - A Feather in Your Cap - Office Politics (2019)
19 Arcade Fire – Supersymmetry – Reflektor (2013)

 

 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.