Andrew Bird

Noble Beast

2009 (Fat Possum / Bella Union) | songwriter

Nobile animale, l'uomo: tra le pieghe del suo cuore la realtà si rende trasparente a se stessa. Bestiale come ogni altra creatura, eppure sempre animato da una scintilla misteriosa. Animale, ma non solo animale: "a-non-animal", per dirlo con il pittoresco neologismo creato da Andrew Bird per il suo nuovo disco.
"Noble Beast" è un variopinto microcosmo popolato di esseri bizzarri e di innocui sociopatici, un miraggio partorito dalla fantasia di un violino incantato: basta un cenno di archetto per spazzare via in un istante tutte le incertezze lasciate da "Armchair Apocrypha", restituendo Andrew Bird all'essenza del proprio talento.

Fin dal modo in cui la melodia di "Oh No" si presta all'intreccio tra la voce morbida di Bird e quella della cantante georgiana Kelly Hogan, le ingombranti stratificazioni elettriche del precedente album lasciano il posto a un'anima acustica che rimanda direttamente alle atmosfere di "The Mysterious Production Of Eggs".
Ecco allora riapparire quel fischiettìo vibrante e svagato, quel violino dalle movenze eclettiche, quella voce capace di librarsi con grazia buckleyana... Ingredienti inconfondibili, ma che non per questo rendono scontata l'alchimia della musica di Andrew Bird: il segreto sta tutto nella leggerezza con cui ogni elemento sa intessersi insieme agli altri, senza che le cesellature della trama finiscano per suonare ridondanti.

Registrato per la maggior parte a Nashville, con le note dei vecchi dischi di Kris Kristofferson e degli Everly Brothers nell'aria, "Noble Beast" non si lascia costringere facilmente in un'unica definizione: tessiture ritmiche e screziature sintetiche offrono direzioni inattese ai brani, trasformando le tinte folk di "Masterswarm" in un lieve incedere dal profumo latino, mentre gli slanci che avvolgono "Nomenclature" assumono un tono quasi radioheadiano, con accenti che solo in "Not A Robot, But A Ghost" si fanno troppo marcati.
Tra battimani e irresistibili volteggi, "Fitz And The Dizzyspells" porta M. Ward a lezione dai Fab Four per aggiornare il manuale della perfetta canzone pop. Il velo arpeggiato di "Natural Disaster" e il pianoforte di "Souverian" accarezzano le tenui sfumature del Beck di "Sea Change", il passo dinoccolato di "Tenuousness" rinnova il paragone con l'arguzia del Paul Simon solista; e il violino, come sempre vero protagonista della scena, alterna al caratteristico pizzicato i sapori pastorali di "Effigy" e il fluttuante lirismo di "Anonanimal".

Sciami di insetti e microscopici protozoi attraversano i versi di "Noble Beast", sbucando dalla copertina da sussidiario di entomologia della deluxe edition del disco (che aggiunge al programma un secondo cd interamente strumentale, dal titolo "Useless Creatures"). "Solo la melodia è pura, i testi possono essere corrotti", si schermisce Bird. Ma per un geniale affabulatore come lui, la parola ha un fascino irresistibile.
Parole ironiche e ricercate, parole che si fanno musica per il loro stesso suono: con le proprie parole, l'animale-uomo sa costruire intorno a sé un perfetto specchio di illusioni, riducendo la realtà a un "pallido facsimile" fatto di "false conversazioni a telefoni inesistenti". Eppure, quelle stesse parole hanno anche il potere di portare con sé "una differente nomenclatura", di restituire alle cose il loro significato. Nomina sunt consequentia rerum, ammonivano gli antichi. In fondo è proprio in questo che sta la nobiltà dell'uomo: dare alla realtà il suo vero nome.

(01/01/2009)

  • Tracklist
  1. Oh No
  2. Masterswarm
  3. Fitz And The Dizzyspells
  4. Effigy
  5. Tenuousness
  6. Nomenclature
  7. Ouo
  8. Not A Robot, But A Ghost
  9. Unfolding Fans
  10. Anonanimal
  11. Natural Disaster
  12. The Privateers
  13. Souverian
  14. On Ho!
Andrew Bird su OndaRock
Recensioni

ANDREW BIRD

Are You Serious

(2016 - Loma Vista)
Le confessioni di Andrew Bird, o della serietà di un giocoliere di note

ANDREW BIRD

Things Are Really Great Here, Sort Of...

(2014 - Wegawam)
Bird prosegue nel suo ritorno alle radici rileggendo le canzoni degli Handsome Family

ANDREW BIRD

I Want To See Pulaski At Night

(2013 - Grimsey)
Con un Ep quasi interamente strumentale Bird scrive la sua personale dedica a Chicago

ANDREW BIRD

Break It Yourself

(2012 - Mom + Pop / Bella Union)
Bird rinuncia al superfluo e punta dritto al cuore con uno dei suoi dischi più ispirati di sempre ..

ANDREW BIRD

Hands Of Glory

(2012 - Mom + Pop)
Andrew Bird riapre le porte del granaio per il suo lavoro dall’indole più agreste

ANDREW BIRD

Fitz And The Dizzyspells

(2009 - Bella Union)

Un’appendice in formato Ep per le brillanti atmosfere di “Noble Beast”

ANDREW BIRD

Armchair Apocrypha

(2007 - Fat Possum)
Una nuova prova di maturità del violinista di Chicago

Live Report
Andrew Bird on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.