Dead Can Dance

Anastasis

2012 (PIAS) | ethno-dark

La prima domanda che sorge spontanea alla notizia di una reunion è inevitabilmente legata alle motivazioni dietro tale decisione. Di reunion, in questi anni, ne abbiamo viste tante: molte accolte con il piacere di un "bentornati", altre capaci di partorire nuovi tasselli da aggiungere a trascorsi importanti; ma una considerevole parte di queste ha finito col produrre lavori di gran lunga inferiori alle attese.
Brendan Perry e Lisa Gerrard di grandi cose ne hanno fatte tante. Con le loro voci, in primis, e con la loro eterna ricerca. Nell'unione musicale e sentimentale dei Dead Can Dance hanno saputo scrivere alcune fra le pagine più suggestive e innovative della musica tutta, distanziandosi con originalità da qualsiasi etichetta, pescando da un passato arcano, mescolando le radici con la sperimentazione, agganciandosi qua e là a tendenze più o meno definite, ma mantenendosi sempre ben affrancati a un marchio di fabbrica esclusivo. Nel corso degli anni, in tanti hanno provato a interpretare - con risultati anche lusinghieri - tutto o parte del loro stile, chi all'insegna del misticismo puro (Arcana), chi volgendo lo sguardo alla più contaminazione etnica e all'esoterismo (Unto Ashes), chi ancora saturando di piaghe elettroniche il sangue puro di partenza (Love Is Colder Than Death). Tre quarti di quella che oggi suole classificarsi sotto l'etichetta di dark-wave deve buona parte della sua ispirazione ai due, che, dopo la separazione, nei rispettivi percorsi solisti hanno adattato la potenza evocativa della loro musica all'immagine: quella dei film (Gerrard) ma anche quella dell'intimo cantautorato e della pura suggestione (Perry).

Oggi, a sedici anni dal bistrattato ma non certo pessimo "Spiritchaser" - epitaffio che segnò una deriva prettamente etnica - le due metà si ricongiungono, ed ecco tornare a brillare il marchio Dead Can Dance. Riprendendo il discorso precedente, è lecito domandarsi cosa potesse avere di nuovo da dire un duo il cui percorso pareva essere un cerchio perfetto, al punto da non sbagliare neanche un disco, evolvendosi lentamente e in maniera naturale. Per rispondere, poteva essere sufficiente l'indizio di "Amnesia", assaggio regalatoci dai due a un mese dalla release del disco: l'ugola di Perry, intatta e ancor più profonda, guida alla scoperta del nuovo universo sonoro prettamente "mediterraneo", come suggerito anche dall'omaggio all'Antica Grecia del titolo. C'è l'etnico di "Spiritchaser", c'è la poetica di "Into The Labyrinth", ma c'è anche una forza espressiva nuova e matura.

Addentrandosi nei meandri del disco, sgorga da subito quell'atmosfera di filosofica riflessione "estiva" a cui Perry faceva riferimento nel presentare il disco, che incede maestosa nell'evocativa e splendida sinfonia di "Children Of The Sun", fino a raggiungere l'estasi nel finale fiatistico. A fungere da immediato contraltare è "Anabasis", dove Gerrard si muove fra arabeschi, misticismo ed elettronica, in una performance memore di quel "The Mirror Pool" che segnò la sorpresa di un suono scarnificato ed essenziale. E su sentieri simili viaggia "Kiko", aggiungendo quel sentore medievale esplorato e sviluppato in "Aion": il sound è ancor più rarefatto e austero, come forse non lo era mai stato prima.
Tratti somatici prettamente orientali caratterizzano invece "Agape", inno a una divinità immaginaria, ornato dal vibrante e profondo fondale del sitar a dettare legge accompagnando il canto. La Gerrard armonica e "cinematografica" fa la sua comparsa nella marcia solenne di "Return Of The She-King": tornano alla mente le sue colonne sonore, in un crescendo che si conclude nell'unico ed emozionante duetto fra le due metà vocali.
Riecco apparire Perry nel toccante e romantico miscellaneo di "Opium" - "canzone" dal ritmo tribale attraversata da archi solenni e non distante dalle sculture di "Ark" - e, soprattutto, nel superbo congedo di "All In Good Time", ninna-nanna di accompagnamento verso un sogno eterno, con la voce praticamente sola a cullare la mente sino al formidabile unisono strumentale del finale.

I Dead Can Dance sono tornati e la loro "resurrezione" (questa la traduzione dal greco del titolo dell'album) non poteva essere più lucente. "Anastasis" è disco legato strettamente ai loro trascorsi ma mai autoreferenziale, l'album maturo di un duo il cui suono trae le sue coordinate da stili senza tempo, tanto quanto pare esserlo la loro musica. Una gran sorpresa, ben oltre le più rosee aspettative, e uno dei prodotti finora migliori di questo 2012. Giù il cappello.

(01/08/2012)

  • Tracklist
  1. Children Of The Sun
  2. Anabasis
  3. Agape
  4. Amnesia
  5. Kiko
  6. Opium
  7. Return Of The She-King
  8. All In Good Time
Dead Can Dance su OndaRock
Recensioni

DEAD CAN DANCE

Garden Of The Arcane Delights + Peel Sessions (ristampa)

(2016 - 4AD)
Una ristampa che ripercorre alcuni dei primi passi dello storico duo darkwave

DEAD CAN DANCE

Spleen And Ideal

(1985 - 4AD)
Le visioni magiche del duo Perry-Gerrard si esaltano in uno dei loro lavori cruciali, tra ethno-gotic ..

Dead Can Dance on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.