Rover

Rover

2012 (Wagram) | songwriter

Con quelle pose studiate nel minimo dettaglio, con quell'atteggiamento che tenta disperatamente di evocare un improbabile incrocio tra Antony e Gérard Depardieu, e da ultimo, con quel baritono istrionico, al limite della pomposità gratuita, è comprensibile che ai più la figura di Timothée Régnier susciterà un'indigeribile antipatia. Quando poi apre bocca (andatevi a leggere la motivazione alla base del suo nome d'arte) la tentazione di lasciar perdere e passare ad altro si fa irresistibile. Eppure, messa da parte l'avversione per certi preziosismi, col tempo di due-tre ascolti non tarda a manifestarsi il senso dietro all'operazione Rover.
Perché, al di là di ogni possibile sovrastruttura (ma poi, chi l'ha detto che costruirsi un personaggio debba per forza essere una nota di demerito?), al di là dei toni da maudit fuori tempo massimo, i brani che imbastiscono il debutto del trentatreenne chansonnier transalpino certificano un talento lucido e tutt'altro che banale, che aspettava soltanto l'occasione giusta per poter sbucare.

Dalla Grande Mela (in cui ha condiviso gli anni del liceo con membri degli Strokes), passando per il Medio Oriente, in cui si è imbarcato in una proficua carriera da punk-rocker in una band di successo, non si può di certo dire che il musicista non abbia racimolato un gran numero di esperienze. Ma se si accetta la logica che tutto può rivelarsi importante ad un certo punto, anche l'incontro apparentemente più irrilevante e la giornata più ordinaria, allora possiamo certamente affermare che Régnier sappia cosa significhi vivere una vita densa, e come trarne il massimo possibile.
E che ne abbia tratto davvero il massimo, questo è poco ma sicuro. L'album omonimo mostra infatti un autore colto e perspicace, che accanto all'enfasi narrativa (ascoltare il singolo di lancio “Aqualast” per rendersene conto) esibisce uno spaccato di sensibilità pop come non si coglieva da molto tempo oltralpe, un esaltante incrocio di ostentazione vintage e squisitezza melodica.

E dire che di trucchetti preconfezionati, di stratagemmi ad hoc, il cantautore non ne sente proprio l'urgenza; le canzoni si avvicendano nel loro struggimento à la Gainsbourg senza mai vergognarsi di palesare i propri ascendenti. Il Bowie glam che affiora negli intrecci melò di “Champagne” e “Carry On” coabita infatti senza esitazioni accanto alla nu-new wave di Paul Banks e compagni (“Remember”, “Tonight”), culla come un bimbo la ricercatezza maliarda degli Air (“Queen Of The Fools”), procede a ritroso alla riscoperta del proprio lato folk (“Lou”). Il tutto, tenendo sempre presente la centralità della scrittura, come cardine imprescindibile su cui lasciar correre a briglia sciolta il demone di una vocalità distintiva e pronunciata.
Stentoreo quando si lancia nei suoi accorati racconti d'amore, ma abile nello sfoderare, a seconda dei casi, un invidiabile falsetto ricolmo di malinconia, Rover si smarca con abilità dall'intralcio degli idoli di una vita in merito alla potenza del timbro e alla statura delle interpretazioni (come nella conclusiva “Full Of Grace”, tra le tante), che giocano col trito stereotipo del cantastorie assetato di continui calvari emotivi.

A scapito di un amalgama non proprio immediatissimo nell'assimilazione, “Rover” è un lavoro che porta a casa una vittoria su tutti i fronti, che afferma, se ancora ce ne fosse bisogno, come l'inclinazione alla teatralità sappia e possa andare ben oltre un'oziosa caricatura.

(09/11/2012)

  • Tracklist
  1. Aqualast
  2. Remember
  3. Tonight
  4. Queen Of The Fools
  5. Wedding Bells
  6. Lou
  7. Silver
  8. Champagne
  9. Carry On
  10. Late Night Love
  11. Full Of Grace / La Roche


Rover on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.