Jamie Lidell

Jamie Lidell

2013 (Warp) | space-funky

A tre anni di distanza dall’ultima fatica, prosegue imperterrita la mutazione dell’ex-Super Collider Jamie Lidell. Se con il discreto “Compass” l’intento era strapazzare alla propria maniera certo funk d’annata, stavolta è il soul-pop elettronico e pettinato degli Ottanta a rientrare prepotentemente nei radar del musicista inglese. Ma non solo. C’è anche dell’onesto r’n’b con Prince al centro del mirino a scuotere il buon Jim, contornato da scodinzolate space-funky (come accade, ad esempio, nell'inconcludente “Do Yourself A Fever”), nelle quali in più di un'occasione traspare un'insolita foga nel voler comprimere sinteticamente le proprie velleità, finendo spesso nel mescolare troppi ingredienti sonori, perdendo così di vista la melodia, nonché l'eventuale resa emozionale.

E’ dunque un’autoreferenzialità smodata e palesata a più riprese a delineare i tratti dell’album. Un’incoscienza magari organizzata, voluta, ma clamorosamente fine a se stessa e priva di qualsiasi mordente. Insomma, c’è troppa confusione nelle intenzioni di Lidell, nonostante l’interpretazione vocale conservi un’eccellenza di fondo che conferma ancora una volta le sue notevoli capacità. E brani come “why_ya_why”, tra un cyber-cabaret senza arte né parte, o “You Know My Name” con quel suo insipido groove da videogame, lasciano al loro passaggio l’amaro in bocca e una notevole indifferenza.

Senza descrivere ulteriori disastri, sembra che Lidell voglia celebrare esclusivamente se stesso (?) e le sue attuali smanie eighties, accantonando con insolita arroganza qualsiasi altra cosa. Il disco è in fin dei conti un impastocchio zeppo di suoni sparsi a casaccio e ritmiche poco trascinanti che lasciano il tempo che trovano, utili forse solo ad alimentare una certa propensione all’esibizionismo funky che caratterizza da sempre le prestazioni dal vivo dell’ex-ragazzo di Huntingdon.
Una masturbazione eccessiva, di cui onestamente nessuno sentiva il bisogno.

(02/03/2013)

  • Tracklist
  1. I’m Selfish
  2. Big Love
  3. What a Shame
  4. Do Yourself a Faver
  5. You Naked
  6. why_ya_why
  7. Blaming Something
  8. You Know My Name
  9. So Cold
Jamie Lidell su OndaRock
Recensioni

JAMIE LIDELL

Building a Beginning

(2016 - Jajulin)
Dopo il mezzo passo falso dell'omonimo e precedente disco, l'ex Super Collider torna in carreggiata con ..

JAMIE LIDELL

Compass

(2010 - Warp)
Il talento di Huntigdon, trapiantato a Berlino, alle prese con mutanti partiture electro-funky ..

JAMIE LIDELL

Jim

(2008 - Warp)
L'atteso terzo album della metà soul dei Super Collider

JAMIE LIDELL

Multiply

(2005 - Warp)

Jamie Lidell on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.