Elbow

The Take Off And Landing Of Everything

2014 (Fiction) | art-pop, baroque-pop

Sono le vicissitudini della fatidica soglia dei quarant’anni ad animare il nuovo disco degli Elbow, dal titolo piuttosto rivelatorio “The Take Off And Landing Of Everything”. Il carattere “pieno” dal punto di vista non solo sonoro, ma anche esistenziale, della musica della band di Manchester rimane infatti un punto focale anche di questa uscita, in un affresco come al solito raffinato ed elaborato di un’età di grandi mutamenti.
L’urgenza di “The Seldom Seen Kid” è però ormai irrecuperabile, e così il pop sfuggente e ricercato degli Elbow si accontenta di essere un giocattolo di grande eleganza, con paesaggi tanto intensi quanto stereotipati come quelli di un mattino newyorkese, pieno di certezze e dubbi dispersi in un’abbacinante “poesia” (“New York Morning”).

“The Take Off And Landing Of Everything” si muove così tra un’emotività abbastanza piatta e informe, in una sorta di meditazione impalpabile, e un gusto calligrafico ormai non privo di una certa ricerca della meraviglia barocca per irretire l’ascoltatore, piuttosto che provocarlo - in senso positivo s’intende.
Il lato etereo della musica degli Elbow acquisisce così il tono rimuginante della riflessione di mezz’età (“This Blue World”, “The Blanket Of Night”), spingendo un po’ troppo sulle inflessioni elegiache della sempre splendida voce di Guy Garvey (“Real Life (Angel)”).

Registrato ai Real World Studios di Peter Gabriel, certificando ancor di più, se possibile, il legame col prog inglese della band, “The Take Off And Landing Of Everything” rappresenta solo un modo per gli Elbow per proseguire il discorso musicale iniziato in “The Seldom Seen Kid”, accontentandosi di richiamarne le suggestioni sonore e accantonandone tutto il vigore artistico. Difficile prevedere grandi o perlomeno indolori cambiamenti.

(11/03/2014)



  • Tracklist
  1. This Blue World
  2. Charge
  3. Fly Boy Blue / Lunette
  4. New York Morning
  5. Real Life (Angel)
  6. Honey Sun
  7. My Sad Captains
  8. Colour Fields 
  9. The Take Off And Landing Of Everything
  10. The Blanket Of Night


Elbow su OndaRock
Recensioni

ELBOW

Little Fictions

(2017 - Polydor)
Dopo il matrimonio, Guy Garvey riprende le redini del britpop contemporaneo

ELBOW

Build A Rocket Boys!

(2011 - Fiction / Polydor)
Dopo il successo di "The Seldom Seen Kid", il nuovo album della band guidata da Guy Garvey

ELBOW

The Seldom Seen Kid

(2008 - Fiction)
Quarto lavoro in studio per la band di Manchester

News
Elbow on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.