Destroyer

Poison Season

2015 (Merge) | chamber-pop, soft-rock

Stavolta pensavo fosse successo davvero. “Ecco trovato un disco in cui Dan Bejar non mi frega con la sua consueta eleganza”: le prime impressioni sul decimo (!) disco di Destroyer non erano state infatti delle migliori. Ma, si sa, le prime impressioni spesso non sono veritiere. E se poi si parla di un artista che ormai da quasi due decenni persegue imperterrito un suo ideale di musica slegata dai trend attuali e dalle contingenze del momento, questa banale verità acquista ancora più peso.

Il mondo dischiuso da “Poison Season” è un eden per inguaribili romantici, il cui accesso non è così immediato come in “Kaputt”, di cui riduce sensibilmente la patina new romantic per retrocedere di un decennio e riscoprire l’universo dei 70's. Non che gli anni 80 siano spariti del tutto: fanno, ad esempio, capolino nella big music di “Dream Lover”, il singolone in odore Waterboys che prende i sax vellutati di “Kaputt” e li fa deragliare in un turbinio sonoro ebbro e follemente su di giri. Ma il capolavoro del disco è “Forces From Above”, un chamber-pop dall’afflato spirituale (“I climbed high the cathedral steps, it was getting on/ The evening progresses like a song into the heavens”), con una sezione d’archi magistrale, quasi cinematografica, che fa da contraltare al pulsare delle percussioni, in odore Mpb, e alla rotondità del basso funkeggiante. E’ un pezzo semplicemente incredibile, che condensa in quasi sei minuti l’estrema perizia nel songwriting che Bejar ha raggiunto a questo punto della sua carriera, e che nei momenti migliori è quanto di più originale si possa sentire in giro.

Fa allora, non dico storcere il muso, perché parliamo di canzoni piacevoli e ben fatte, ma rappresenta indubbiamente un calo di ambizione il trittico successivo: “Hell” è la versione in miniatura di “Forces From Above”, e non può che far la figura del topolino dopo una simile perla; se pur più ordinaria e classicista, prende meglio la malinconia pacata di “The River”, una delle tante prese di posizione di Destroyer contro la frenesia della vita cittadina, da cui esorta a fuggire (“Escape from New York, escape from L.A./ Take it from me, leave London”). Un videoclip surreale e vagamente dark fa da supporto a “Girl In A Sling”, traducendone la storia di isolamento e alienazione in evocativi “paesaggi” di periferia abbandonata e desolata.

“Times Square”, ode definitiva a New York City, brilla come certo luccicante soft-rock degli anni 70, tra sax festosi e reminiscenze bowiane nemmeno tanto velate. Altro picco di un disco che forse non manterrà la stessa consistenza qualitativa nel corso della sua durata, ma quando riesce, incanta. E così tra funk notturni (“Archer On The Beach”), scalmanati rock'n'roll ("Midnight Meet The Rain") e meditabonde ballate metropolitane (“Bangkok”) si respirano atmosfere di classe inimitabili a cui davvero è difficile resistere, anche laddove si tingono di una nota di manierismo.

“Poison Season” è il disco cameristico di Destroyer, nonché uno dei suoi più nostalgici ed evocativi; mentre mode pop passeggere vanno e vengono, l’arte di Dan Bejar è cristallizzata in una dimensione atemporale, senza uno spazio definito, se non quello interiore, dell’anima. Perché puoi girare tutte le capitali del mondo, ammirarne i luccichii e il clima di festa. Ma Bejar in fondo ci dice che, alla fine della fiera, siamo tutti irrimediabilmente soli.

(04/09/2015)



  • Tracklist
  1. Times Square, Poison Season
  2. Dream Lover
  3. Forces From Above
  4. Hell
  5. The River
  6. Girl In A Sling
  7. Times Square
  8. Archer On The Beach
  9. Midnight Meet The Rain
  10. Solace's Bride
  11. Bangkok
  12. Sun In The Sky
  13. Times Square, Poison Season II




Destroyer su OndaRock
Recensioni

DESTROYER

Five Spanish Songs

(2013 - Merge)
Apre alla Spagna il nuovo corso artistico di Dan Bejar

DESTROYER

Kaputt

(2011 - Merge)
Un altro folgorato dagli anni 80: Dan Bejar in un disco dalla forma inappuntabile ma dalla sostanza stucchevole ..

DESTROYER

Archer On The Beach Ep

(2010 - Merge)
Un nuovo esperimento ambient per il cantautore di Vancouver, affiancato da Tim Hecker e Loscil

DESTROYER

Trouble In Dreams

(2008 - Merge)
Nuovo appuntamento con Bejar e il suo songwriting tra sogno e memoria

DESTROYER

Destroyer's Rubies

(2006 - Merge Records)

Destroyer on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.