King Dude

King Dude

La luce oscura del folk

intervista di Alessio Belli

Con ancora ben impressa l'ultima fatica discografica “Full Virgo Moon” (uscita per Not Just Religious Music e Ván Records), abbiamo raggiunto Thomas Jefferson Cowgill, conosciuto nel mondo musicale con il nome di King Dude. Uno degli alfieri più nobili del dark/neofolk, sempre circondato e attratto dai più svariati contesti artistici. Da “Tonight's Special Death” del 2010 in poi, il musicista di Seattle, Washington, armato di chitarra (a volte classica, a volte elettrica) e della più nera e torva delle auree, ci ha accompagnato in un mondo oscuro e intrigante. In un universo dove Sesso, Amore e Terrore camminano a stretto contatto con Lucifero, King Dude si è imposto come una delle voci più interessanti del panorama. E non solo. Alternando toni soavi a rabbia ruggente, momenti più acustici e scarni a inarrestabili sferragliate rock, King Dude ha impreziosito un percorso già significativo attraverso le collaborazioni con Chelsea Wolfe e Julee Cruise, giusto per fare qualche nome. La biografia sul sito ufficiale (acronimo del celebre brano “Lucifer's The Light Of The World”) recita: “King Dude è un Mefistofele dagli occhi azzurri con una chitarra acustica; si veste come Johnny Cash e canta come se fosse davanti a Robert Johnson in quell'incrocio.(…) Con l'ispirazione strappata al folk-country, al blues, sia americano che britannico (e un background nell'heavy metal), gli inni grezzi e ipnotici di King Dude incanalano il passato mentre guardano dritto verso un futuro rivelatore”. Ecco la chiacchierata iniziata in uno dei tanti giorni di lockdown dovuti alla pandemia del Covid-19. 

Hai fatto molte interviste nella tua carriera: c'è ancora qualcosa che non ti è stato chiesto e che vorresti dire?
Sono sicuro che c'è, ma non so cosa sarebbe. Lascio che sia tu a chiedere.

Cosa stai ascoltando e come ci suggerisci di trascorrere il tempo in questa quarantena? Libri, film, serie tv che ti hanno appassionato di recente?
Sto ascoltando alcuni podcast, per lo più roba true crime. Mi piacciono Casefile e This American Life. Una specie di classici podcast-comfort che metto in sottofondo mentre dipingo. Principalmente sto dipingendo. Ho deciso di fare dei dipinti di sangue e venderli, invece di sedermi e guardare film tutto il giorno. E si è dimostrato davvero fantastico, la risposta dei fan è stata travolgente.

Puoi parlarci un po' dell'ultimo “Full Virgo Moon”? Sotto alcuni aspetti, un ritorno alle origini.
Sì, concordo. Non solo nel suono ma nell'approccio. Ho scritto e registrato l'album in circa due settimane, a gennaio. Quindi farlo uscire a marzo è stato incredibilmente veloce. Inoltre è stato rilasciato venerdì 13 marzo, ovvero la settimana della luna piena nella Vergine e l'inizio di una pandemia mondiale. Veramente un tempismo magico.

2010 - 2020: i primi dieci anni della carriera di King Dude...
Non ho mai programmato di farlo per più di dieci anni. Sono in ritardo sulla mia tabella di marcia.

In Italia alcuni argomenti sono tabù, puoi spiegare la tua fede luciferiana?
Qui non tanto, ci vorrebbero secoli. Se siete interessati a ciò che considero la mia fede, vi consiglio di leggere riguardo lo gnosticismo. Nello specifico i Catari e le credenze da loro sostenute.

Come nascono i tuoi testi? Li scrivi di getto? Quanto ci lavori? La musica viene prima, dopo, contemporaneamente?
È un mix di queste cose. A volte parto con un'idea per i testi, altre volte inizio con la musica. A volte scrivo un'intera canzone in mezz'ora, altre volte ci vogliono anni. Dipende solo dalla canzone.

Black metal (TJ ha militato nei Book of Black Earth, nati dai precedenti Teen Cthulhu), neofolk, sono scene musicali spesso legate all'estremismo, con molte controversie e spettacoli cancellati (ricordo le tue dichiarazioni sull'annullamento del tour con Taake): qual è la tua attuale posizione in tutto ciò?
Non mi reputo estremo in alcun modo, ma non penso che un vero estremista si considererebbe tale. Immagino che un "estremista" consideri la propria visione del mondo o ideologia abbastanza sana. Essere un estremista non è un titolo che si dà a se stessi, ma viene dato dal resto della società. Ad esempio, Charles Manson si considerava l'unica persona sana di mente nella stanza. Sfortunatamente per lui, il resto del mondo non era d'accordo.

Ho letto che uno dei tuoi obiettivi è creare la musica più terrificante in circolazione: in quali canzoni pensi di averlo fatto?
Lo dissi riguardo un album chiamato "Fear". Questo non è più il mio obiettivo. Non sono sicuro di esserci riuscito comunque, le canzoni di quell'album non sono esattamente ciò che definirei terrificante.

Che cos'è un argomento, un'idea che hai in mente e su cui non sei ancora riuscito a fare una canzone?
Questo è un segreto che sta a voi scoprire.

Sto scrivendo dalla mia città, Roma, e ho ripensato al tuo sodalizio con i Death in Rome: nuove collaborazioni?
Sto lavorando con Albin Julius dei Der Blutharsch su alcune nuove canzoni, stanno suonando alla grande finora! Ho anche lavorato a stretto contatto con Erin Powell degli Awen per uno split in 7": anche questo suona alla grande.

Quale sarà il prossimo concept?
Tenendo bene d'occhio le mie precedenti uscite, si potrebbe rapidamente indovinare il nome e il tema del mio prossimo disco. Molti lo hanno già fatto...

Aggiornamenti da Actual Pain (per chi non lo sapesse, King Dude cura anche una linea d'abbigliamento)?
Nessuna novità da segnalare. Quando sarò ispirato, farò qualcosa di nuovo. Come al solito.

Ricordo quando hai parlato del messaggio inviato a Kim Larsen su MySpace: qual è il reale contributo che i social media hanno sull'artista King Dude?
Nel bene e nel male, hanno reso King Dude quello che è. Se non fosse stato per i social media, non l'avrebbe ascoltato nessuno. E di questo sono grato. Odio ancora i social media e gli scambi che le persone hanno lì, soprattutto su Facebook. È stata una rovina per la società. Nel Nuovo Testamento, Matteo 5:5 è scritto "Beati i miti, perché erediteranno la terra": sapeva di rivolgersi alle masse impotenti e agli sciocchi idioti che scrivevano nella sezione dei commenti di qualche stupido sito web.

Discografia
 My Beloved Ghost (Ep, Bathetic, 2010)   
 Split con Solanaceae (Heiðrunar Myrkrunar, 2010) 
 The Black Triangle (Ep, Clan Destine, 2010)

 

 Tonight’s Special Death (Disaro, 2010)

 

Love (Dais, 2011)

 

 You Can Break My Heart (Ep, Dais, 2012)

 

 Burning Daylight (Ván, 2012)

 

 Sing More Songs Together… (con Chelsea Wolfe, Sargent House, 2013) 
 Fear (Ván, 2014)
 
Songs Of Flesh & Blood - In The Key Of Light (Not Just Religious Music, 2015) 
Sex (Ván, 2016) 

Music To Make War To (Ván, 2018)
 
 Full Virgo Moon (Ván, 2020)

 

 

pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

King Dude su OndaRock
Recensioni

KING DUDE

Full Virgo Moon

(2020 - Ván)
L’artista americano tra nebbie dark-folk e calma rassegnata, perfetto accompagnamento per gli ultimi ..

KING DUDE

Music To Make War To

(2018 - Ván)
T.J. Cowgill torna con uno dei suoi album più vari, dedicato alla metafisica del conflitto

KING DUDE

Sex

(2016 - Ván)
Cowgill realizza un lavoro intriso dello spirito oscuro e dannato dell’America profonda

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.