Adem

Homesongs

2004 (Domino) | folk-pop

Da soli, al buio mentre fuori piove, così va ascoltato "Homesongs" prima prova solista di Adem Ihlan, bassista dei Fridge, classico disco da autunno uggioso, per cuori appannati che cercano conforto nella condivisione della tristezza. Suoni acustici, con qualche leziosità elettronica qua e là a rimpinguare strutture scarne ed essenziali, ma avvolgenti allo stesso tempo, un voce cristallina e penetrante, una scrittura sorprendentemente matura, tutto questo si combina in dieci quadretti affascinanti e suadenti nella loro semplicità.

Adem dimostra di avere una buona sensibilità melodica, e più che citare i soliti Nick Drake, Beck e compagnia cantando, ci piace pensare a un artista "casalingo" che ha preferito esternare i propri sentimenti nel modo più diretto possibile, lontano dalle stravaganze elettroniche del gruppo maggiore. E' difficile parlare di questo disco perché è difficile isolarlo rispetto alle sensazioni che suscita, valutarlo asetticamente, dare seguito a quelle attività di analisi necessarie al giudizio di un'opera, perché "Homesongs" chiede di essere ascoltato col cuore e non con la mente.

Il disco scorre piacevolmente dall'inizio alla fine, nel suo mostrare graziosi folk-pop da tristezza coatta come "These Are Your Friends" o "Ringing My Ear", calde e melodiche da far arrossire l'ultimo Badly Drawn Boy; altrove il flusso di coscienza si sviluppa lento e meditabondo, e gli oltre cinque minuti agrodolci di "Pillow" stanno a testimoniarlo, o meglio ancora "Gone Away", romantico folk minimale per cuori infranti.

Ciò che sorprende di Adem è la capacità di creare atmosfere con il minimo della strumentazione e non sacrificando al contempo la forma canzone, come nella stupenda "Long Drive Home", capolavoro dell'album, che si snoda in 3'37'' di puro struggimento.
Il talento compositivo c'è, adesso sta a lui non disperderlo, e dopo un inizio del genere sarebbe davvero un peccato.

(13/11/2006)

  • Tracklist
  1. Statued
  2. Ringing In My Ear
  3. Cut
  4. Gone Away
  5. These Are Your Friends
  6. Everything You Need
  7. Long Drive Home
  8. Pillow
  9. One In A Million
  10. There Will Always be
Adem su OndaRock
Recensioni

ADEM

Takes

(2008 - Domino)
Il cantautore di origine turche rende omaggio ai suoi pezzi preferiti dei 90

ADEM

Love And Other Planets

(2006 - Domino)

Adem on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.