Rothko And Caroline Ross

A Place Between

2005 (Lo Recordings/Wide) | post-rock

Rothko, nell'ormai esclusiva incarnazione di Mark Beazley, esprime il suo essere nella forma di un minimalismo isolazionista di fine fattura, deambulante in microstrutture statiche mancanti di una qualsivoglia enfasi ritmica. E ciò che si scorge in "A Place Beetween", nuova collaborazione tra il post-rocker albionico e Caroline Ross, delicata interprete dal sussurro sensuale, già Delicate Awol.

Piccoli bozzetti per amori dissolti, una tavolozza di colori pronti a delineare un delirio impressionista solo accennato, un'ombra su tela, appena un contorno che chiede all'immaginazione di colmarne i vuoti. La musica di "A Place Beetween" si mostra solo a tratti, gioca con la sua incompiutezza, inscena rappresentazioni in teatri deserti, si compiace del suo nascondersi e mostrarsi parsimoniosa. Presenza/assenza, pieno/vuoto sono questi i concetti espressi dalla teoria musicale di Beazley, che trova applicazione in un suono scheletrico ma avvolgente al contempo, guidato da eteree linee di basso disturbate a tratti da riverberi che si materializzano improvvisamente, come fantasmi.

Il lavoro si apre con "Trace Of Elements", come tuono che squarcia la quiete, un segnale imperioso della tempesta imminente, e si chiude con "Elements Of Traces", lamento recitato sulle rovine del paesaggio devastato; in mezzo si compie la distruzione, con rumori languidi di cuori sanguinanti, amanti in ginocchio, lacrime gocciolanti. Il canto della Ross riesce a essere parte armoniosa dell'insieme, mai prevaricante, come in "Divided Lines", o in "Light In A Dark Place", dove si manifesta sotto forma di recitato al servizio del basso melodioso di Beazley.

Di converso, Robert Wyatt e Mark Hollis non mancano al banchetto, pasteggiando volentieri tra le note di "Parts Per Million", e negli oltre sette minuti di "The Nortern Lights Are Out", romantica alternanza di brezze primaverili che si rincorrono in un dronico abisso senza fondo. Un suono, quello di Rothko, che, pur sognante, resta saldamente ancorato alla corporeità, all'essenza del suo manifestarsi, senza mai aspirare alla trascendenza, alla nota che si dilata sino a tramutarsi in trasparente polvere di stelle. Solo la magnifica "An Open Breath", di chiara scuola 4AD, ha l'ardire di rompere l'incantesimo riuscendo a emergere da melmose sacche subsoniche e a librarsi verso orizzonti di oscura solarità.

Per capire cos'è questo disco, vi lascio alle parole di Paul Morley che in "Metapop" effettua un'analisi di "I Am Sitting In A Room" di Alvin Lucier: "E' la rappresentazione musicale di una filosofia personale, dimostrazione di riserbo e introspezione, ricerca solitaria di una compagnia misteriosa, modo dimesso di capire in cosa credere e perché".

(16/01/2013)

  • Tracklist
  1. Traces Of Elements
  2. Divided Lines
  3. An Open Breath
  4. Light In A Dark place
  5. The Only Way Out Is Through
  6. Parts Per Million
  7. Bow
  8. An Open Vein
  9. Even The Blank Leaf
  10. The Northern Lights Are Out
  11. Elements Of Traces


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.