The Memory Band

Apron Strings

2006 (Dicristina/ Peacefrog) | alt-folk

Raramente si ha la fortuna di incrociare un disco che non sia solo piacevole, interessante, ma che ti catturi fino a conquistarti nell’intimo. "Apron Strings" è uno di questi rari incontri, un cd che non riesce a lasciare il mio lettore da mesi. Folktronica di rara bellezza per il gruppo di Stephen Cracknell, già parte del progetto Gorodisch e collaboratore dei Badly Drawn Boy.
Al secondo album, The Memory Band realizza una rara fusione di folk classico e contemporaneo, già abbracciata da gruppi come Tunng e Vetiver, e inserisce altresì elementi di musica colta che richiamano alla mente il più grande ensemble di folk da camera mai esistito, ovvero la Penguin Cafè Orchestra del compianto Simon Jeffes.

Non revivalismo, ma musica del Ventunesimo secolo: una piccola sinfonia folk che incastra brani nuovi, tradizionali e insospettabili cover, che vanno da “Why” di Carly Simon  a “The Poacher” di Ronnie Lane, tutto senza sosta, in un unicum di rara bellezza, che rimanda ai migliori Fairport Convention, Steeleye Span, nonché alla Third Ear Band.

Ascoltate “I Wish I Wish“, ballad tradizionale dove la bellissima voce di Nancy Wallace descrive con toni struggenti il doppio dilemma di una donna incinta e abbandonata dal suo uomo, per poi lasciare le emozioni al violino di Jennymay Logan e alla viola di Rob Spriggs, poche note che conducono al finale, con sonorità che lambiscono territori avantgarde.
“Come Write Me Down”, costruita su poche note come un mantra, offre, attraverso tre voci, infinite sfumature, che rendono il brano incantevole, mentre un altro traditional, “Green Grows The Laurel”, sfoggia una splendida performance vocale di Nancy, che più di altre folksinger merita di essere inserita nella lista delle grandi eredi di Sandy Denny.
La qualifica di songwriter di classe Cracknell se la guadagna anche con la rarefatta “Evil“, in cui la coesione raggiunta dal gruppo si manifesta attraverso raffinati perfezionismi sonori.

Le cover version non deludono, mentre “The Poacher” mantiene il tono sbarazzino trasformandosi in perfetta dance-song, ”Why” supera l’originale trasformandosi in una ballad asciutta e intensa, dove la forza delle emozioni è vigorosa e sognante nello stesso istante.
Cinque strumentali scritti da Cracknell dimostrano capacità di assemblare l’antico col nuovo: magica “Reasons”, con viola, violino, violoncello e harmonium, più bluegrass la stranamente psichedelica “Brambles”, dove il termine folktronica si arrichisce di nuove sfumature, ”Deltic Soul” è troppo breve pur se interessante, ma arriva poi il capolavoro “The Light”, che tra l'harmonium e le 12 corde di Al Doyle regala atmosfere di pregevole fattura, evocando paesaggi bucolici e pastorali e introducendo la psych-folk “Want You To Know”.

Le numerose partecipazioni di rilievo, tra cui Adem e membri dei Simian, sono perfettamente assorbite dal sound, che tra dolcezza e dolore crea un ponte sonoro unico.
Amore e morte, passione e solitudine, paura e voglia di libertà si dispiegano in 48 minuti esatti, inaugurati dall’unico brano ancora non menzionato: la vivace e sostenuta “Blackwaterside”, perfetta introduzione per uno dei migliori album del 2007 e per un gruppo che dimostra una straordinaria coesione e compattezza.

(07/12/2007)



  • Tracklist
  1. Blackwaterside
  2. Come Write Me Down
  3. Brambles
  4. Green Grows The Laurel
  5. I Wish I Wish
  6. Light, The
  7. Want To Know You
  8. Deltic Soul
  9. Why
  10. Reasons
  11. Evil
  12. The Poacher
The Memory Band su OndaRock
Recensioni

THE MEMORY BAND

A Fair Field

(2016 - Static Caravan)
Tra poesie e racconti, Stephen Cracknell spinge il suo folk ancestrale verso il neoclassicismo

THE MEMORY BAND

On The Chalk (Our Navigation Of The Line Of The Downs)

(2013 - Domino)
La Memory Band apre le porte al chill-out e all'elettronica

THE MEMORY BAND

Oh My Days

(2011 - Hungry Hill)
Contaminazioni sonore in bilico tra Penguin Café e Sakamoto per il gruppo folk di Stephen Cracknell

The Memory Band on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.