Bachi Da Pietra

Non Io

2007 (Wallace-Die Schachtel) | avant-rock-blues

Il blues urbano dei Bachi da Pietra spinge l'acceleratore su visioni iperrealistiche pregne di un nichilismo sconquassante, dove l'etica della sofferenza difficilmente ottiene catarsi, ma forse neanche ci prova. Una musica che morde alla giugulare per trascinarti giù nelle lande della perdizione, che si nutre di una foga repressa, vivida, quasi tangibile, totalmente riversata in suoni serrati, implosi, in cui l'incedere lento è metafora di un calvario doloroso quanto inevitabile.

Dentro/fuori, aperto/chiuso, l'arte del duo Succi-Dorella vive di dicotomici slanci poetici, nei quali lo spazio interno già devastato da inquietudini e turbamenti incontra difficoltà nel rapportarsi allo scorrere del reale. Ciò comporta un chiudersi a riccio, un rimuginare sui propri moti d'animo che nondimeno scalciano (inutilmente) per emergere. Di qui il manifesto "Casa di legno" rende il senso di un riflettersi addosso, nonostante non restituisca risposte. Il suono, così ancorato al suolo, è alla perenne ricerca di uno sfiato, di una via d'uscita, in verità in qualche modo percepibile solo nella conclusiva "Ofelia", onirica, melodiosa e quasi ottimistica nel prendere atto dell'irreversibilità della situazione.

In mezzo tante immagini catramose, istantanee luminosamente claustrofobiche orientate verso l'espressionismo astratto di un Mark Rothko in monocolore. Una modulazione in stati d'animo che procede per microspostamenti umorali, dallo "...scendo giù all'inferno e torno..." della bellissima "Giorno perso" all'impossibilità di fuggire di "Lunedì" fino alla prostrazione biascicata in "Check In Life". Perfetta, poi, l'integrazione tra il recitato doomy e un'impalcatura sonora che, pur essenziale se non scheletrica, emana calore da ogni nota, alla ricerca semmai di una musicalità maggiormente pronunciata nell'ubriacatura (avant) punk/blues di "Bastiano". E l'impressione finale è che quand'anche dovesse scendere la pioggia purificatrice, il sangue rappreso resti difficile da tirar via.

(15/05/2007)

  • Tracklist
  1. Casa di legno
  2. Altri guasti
  3. Non io
  4. Fisica elementare
  5. Lunedì
  6. Farfallazza
  7. Check Life
  8. Bastiano
  9. Giorno perso
  10. Ofelia
Bachi da Pietra su OndaRock
Recensioni

BACHI DA PIETRA

Necroide

(2015 - La Tempesta / Wallace / Tannen)
Si completa la svolta metal nel sound del progetto firmato Succi/Dorella

BACHI DA PIETRA

Quintale

(2013 - La Tempesta)
Il nuovo volo, pesante e metallico, del coleottero da guerra dei Bachi da Pietra

BACHI DA PIETRA

FestivalBug Ep

(2013 - Corpoc)
Tre brani di congedo dal festival itinerante dei Bachi da Pietra

BACHI DA PIETRA

Quarzo

(2010 - Wallace)
Ritorna, stanco e poco ispirato, il duo Succi-Dorella

BACHI DA PIETRA

Insect Tracks

(2010 - Wallace Records)
Disco dal vivo per suggellare due inediti, alcuni bachi mutanti e artigianali meccanismi di ripresa

BACHI DA PIETRA

Tarlo Terzo

(2008 - Wallace)
La coppia Succi-Dorella e il seguito dell'acclamato "Non io"

BACHI DA PIETRA

Tornare nella terra

(2005 - Wallace)
L'esordio avant-rock-blues del nuovo progetto di Giovanni Succi e Bruno Dorella

Bachi Da Pietra on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.