Lightspeed Champion

Falling Off The Lavender Bridge

2008 (Domino) | alt-pop

Dev è un simpatico ventunenne partito da Houston verso i lidi d’Albione con la valigia piena di sogni, un contratto da inseguire, e un gruppo di amici, i Test Icicles, da dimenticare.
Accasatosi in fretta a Omaha, presso l’ala protettiva e illuminante di Mike Mogis (membro dei Bright Eyes), forma in breve tempo i Lightspeed Champion, denominazione perfetta della sua dolce metamorfosi musicale. La sua è un’inaspettata conversione all’indie-pop, legata ai primi tormenti post-adolescenziali, figlia della camaleonticità intrinseca dei giovani nerd del nuovo millennio.

Musicalmente i Lightspeed Champion si collocano in una posizione ben precisa, laddove c’è solo da raccogliere e sbucciare i frutti seminati negli ultimi sei anni (e anche più) da John Vanderslice, Conor Oberst, Sufjan Stevens e Will Sheff. Incastri melodici che nascono dalla sensibilità acerba di un giovane sognatore metropolitano, capaci di far vibrare in alcuni frangenti quel muscolo che anima i nostri sensi. Canzonette dal colore verdastro che nascondono una scontata promessa per il futuro.
“Falling Off Lavender Bridge” è il classico disco indie-pop soggetto a facili sentenze da mercato ciclico, da bulimia emozionale post era download. Basta semplicemente prestare un minimo di attenzione in più per non cadere nella più scontata e moderna (?) delle trappole.

“Galaxy Of The Lost” è pure pop immerso in coloratissimi fraseggi, esaltanti aperture che ricamano con precisione gli intrecci della narrazione. L’impatto è spettacolare, e sembra di rivivere i sogni dorati dei primi Okkervil River. “Tell Me Whats Its Worth” è destinata alle classifiche inglesi, mentre la lunga jam melodica “Midnigh Surprise” è senz’altro più idonea ai nostri piccoli circuiti preferenziali; i suoi mielosi saliscendi richiamano alla memoria sia il già citato Sheff che un Elliott Smith versione “Figure 8”.
La speranzosa “I Could Done This Myself” e la suadente ballatina “Salty Water” aggiungono quel pizzico di imprevedibilità che purtroppo manca ancora  al nostro ragazzo. “Dry Lips” è una cavalcatina degna dei migliori Broken Family Band, mentre lIrish folk abbozzato di “Let The Bitches Die” non può che essere accolto da un fugace sorriso.

A dirla tutta, Dev ha superato con qualche comprensibile fatica da smania giovanile questo primo test, più che altro indicativo e prezioso per il futuro. D’altronde baby-Hynes è partito da Houston con un’idea ben precisa: ottenere al più presto una bella bicicletta dalla Domino. Ora gli toccherà cominciare a pedalare, se non vuole (dis)perdersi in un batter d'occhio nei vicoli ciechi del complesso tracciato indie. E, a quanto pare, ha tutte le carte in regola per indossare la maglia gialla senza neanche troppa fatica.

(11/01/2008)

  • Tracklist
  1. Number One
  2. Galaxy of the Lost
  3. Tell Me What it's Worth
  4. All To Shit
  5. Midnight Surprise
  6. Devil Tricks For a Bitch
  7. I Could Have Done This Myself
  8. Salty Water
  9. Dry Lips
  10. Everyone I Know is Listening to Crunk
  11. Let the Bitches Die
  12. No Surprise (For Wendela) / Midnight Surprise
Lightspeed Champion su OndaRock
Recensioni

LIGHTSPEED CHAMPION

Life Is Sweet! Nice To Meet You

(2010 - Domino)
La nuova prova di Devontè Hynes, tra vaudeville e romanticismo sbarazzino

Lightspeed Champion on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.