Witch

Paralyzed

2008 (Tee Pee) | acid doom, hardcore

Forse l’introduzione più significativa a questo disco è incorniciata nell’interno di copertina (in lodevole cartonato, sebbene un po’ troppo lucido e plasticoso per i gusti di noi nostalgici degli anni 90): uno zombie, la chitarra elettrica in grembo, siede al buio pece di un cielo astrale in mezzo a due ali di reperti archeologici (biologici, industriali e non) in procinto di liquefarsi sotto il peso di lisergici agenti atmosferici.

Stili decomposti che risorgono dalla loro fossa asettica, voci che risuonano da uno sfocato oltretomba sonico. L’ambizione dei Witch, qui all’opera seconda, è quella d’inaugurare una nuova alba dei generi morti viventi, riesumando il garage-grunge dei Mudhoney e l’hardcore dei primi 80 con un piglio pantagruelico e sgangherato che potrebbe (o vorrebbe) ricordare pionieri del doom come Saint Vitus e Pentagram.

Un abbinamento singolare per quello che da più parti viene definito come il side-project di J Mascis: in realtà il “dinosauro minore” se la spassa dietro le pelli limitando il suo contributo fra casse e rullanti pneumatici e rocciosi giri di tamburi e lascia campo aperto alla voce smaniosa e smerigliata di Kyle Thomas (che viene dall’avant folk coi Feathers), filtrata come dai fori d’un sudario d’echi e riverberi, e alla logorrea solistica di Asa Irons e Kurt Weisman (quest’ultimo, in particolare, troppo spesso imperversa fuori contesto).

I brani si spartiscono così, grosso modo, in due categorie: sfuriate garage-core con la bava acida alla bocca che spaziano tra fuzz e tremolo come “Eye” (penalizzata dalle svisate speed metal del solito Weisman), “1000 Mph” (la migliore del lotto: puro suono “white trash”, lordura psicotropa raccattata nel cesso di qualche roulotte senza ruote, sospesa su una palafitta di assi e mattoni), “Disappear” (la più old school HC), “Mutated” (la più “dinosauresca”) ed estenuanti falsopiani acid doom, fra i quali possiamo includere, oltre a “Gone” (scossa qua e là da convulsioni stoner), “Sweet Sue” (incantevole nenia spaziale che è il vero piatto forte del disco), “Psychotic Rock” (lugubre cantilena sabbatica) e “Old Trap Line” (interminabile tirata psichedelica), anche lo psych-grunge di “Spacegod”.

Il tono ruspante della produzione e la genuina lascivia da divoratori di psylocibe potrebbe far guadagnare al gruppo qualche consenso persino al di fuori della consueta cerchia dei maniaci del/i genere/i e dei completisti di J Mascis.

(28/05/2008)

  • Tracklist
  1. Eye
  2. Gone
  3. 1000 Mph
  4. Spacegod 
  5. Disappear
  6. Sweet Sue
  7. Psychotic Rock
  8. Mutated 
  9. Old Trap Line
Witch on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.