Fall

Ersatz GB

2011 (Cherry Red) | post-punk

"Ersatz GB" è il ventinovesimo album in carriera per i Fall e su di esso c'è ben poco da dire che non sia già stato detto. L'album segna l'approdo sui lidi della Cherry Red e giunge a coronamento di quella che possiamo considerare come la terza giovinezza della creatura di Mark E. Smith (stagione iniziata all'incirca con "Reformation Post TLC").
Forse meno incisivo del suo immediato predecessore (ma importa davvero a qualcuno?) questo disco contiene dieci nuovi monologhi, nei quali la vena corrosiva di uno dei moralisti più velenosi (e lucidi) del Regno Unito si scaglia a piede libero contro simboli e rituali di uno sbriciolamento culturale tragicamente irreversibile, per una nazione odiata/amata con tutto l'astio ribollente delle proprie budella.

La ricetta musicale non cambia: rottami sferraglianti di garage-pychobilly, radiazioni mortifere di blues beefheartiani smontati e ricostruiti secondo cut-up sbilenchi e febbrili, spirale kraute alla metedrina, situazionismo assurdista, veleno per topi. Smith sbraita sgraziato e ipnotico come un ubriacone livoroso che osserva il mondo sprofondando tra vecchie baldracche e videopoker, e i suoi bersagli vanno da Gossip Girl (in "Nat Will Not Return", perfetta) agli odiati Snow Patrol ("Mask Search").
In "Greenway" si appropria addirittura del riff di una band metal greca, gli Anorimori, e il risultato è esilarante e geniale al contempo, mentre "Happi Song" regala una rarissima apparizione dell'assai graziosa moglie di Smith, Eleni Poulu, ellenica anch'essa, nella vesti anche di autrice per quello che i seguaci ricorderanno come il punto di vista peculiare dei Fall sull'annosa questione del twee-pop.

Che dire di più? Questo gruppo non ha più molto da dimostrare (anzi non ha mai avuto nulla da dimostrare, facciamo prima), eppure continua ostinatamente (ossessivamente) ad essere quello che è, sgradevolmente irremovibile e pervicace nelle sue convinzioni disperate. Esistenza è resistenza e nessuno potrà mai cambiare Mark E. Smith di una virgola. Meno male. Prendete appunti.

(14/01/2012)

  • Tracklist
  1. Cosmos 7
  2. Taking Off
  3. Nate Will Not Return
  4. Mask Search
  5. Greenway
  6. Happi Song
  7. Monocard
  8. Laptop Dog
  9. I've Seen Them Come
  10. Age Of Chang
Fall su OndaRock
Recensioni

FALL

New Facts Emerge

(2017 - Cherry Red)
Un tonico e avvincente album per l'alfiere del punk inglese

FALL

Your Future Our Clutter

(2010 - Domino)
Il nuovo parto della creatura post-punk dell'indomabile Mark E. Smith

FALL

Reformation Post Tlc

(2007 - Slogan)

Torna Mark E. Smith, il pił nobile dei dinosauri wave

FALL

The Real New Fall Lp

(2004 - Action)

FALL

Interim

(2004 - Hip Priest)

FALL

Dragnet

(1979 - Step Forward)
Il capolavoro wave della band di Mark E. Smith

News
Fall on web