Lanterns On The Lake

Gracious Tide, Take Me Home

2011 (Bella Union) | electro-folk-pop

Era stato facile pronosticare, ormai un anno fa, la prossima firma della band di Newcastle per un'etichetta, tanto che, qualche mese dopo, non aveva stupito la notizia di un loro esordio sotto l'ombrello Bella Union. Ben tre Ep all'attivo, un sound, se non originalissimo, perlomeno attuale nella scena britannica di oggi, qualche canzone di facile presa: ecco che l'uscita di "Gracious Tide, Take Me Home" viene programmata per dopo l'estate di quest'anno.
Il tema principale del disco si allontana un po' dalle timidezze folk, dalla naiveté degli esordi, ma, un po' deludendo, la band sembra aver accumulato una pesante freddezza e una certa affettazione del suo bagaglio emotivo, nonostante il tentativo di studiare arrangiamenti più misurati, di architettare variazioni anche nelle riproposizioni del repertorio precedente.

Bando quindi alla cassa battente, ruspante della vecchia "A Kingdom", spazio a un più raffinato movimento di spazzola, la quasi sgraziata, nervosa malinconia della prima "If I've Been Unkind" - che nel finale si trasfigura - rimpiazzata dalla pretenziosità. E guai a ripresentare quella "You Need Better" che era forse la loro canzone più riuscita, pur nella banalità del testo, ma non dell'arrangiamento, contraltare "pieno" - almeno si intravede un riff! - alle rarefazioni elettroniche di pezzi come "Lungs Quicken".
In "Gracious Tide, Take Me Home" gli espedienti strumentali più frequenti diventano la progressione sigurrosiana ("Tricks", la nuova "A Kingdom", "I Love You, Sleepyhead") e il quasi trip-hop creato dall'interazione di beat-box ed effetti sintetici, associata alla voce vagamente dolente di Hazel Wilde ("You're Almost There", "Lungs Quicken"). Come constatato anche dal vivo, la lead guitar sembra uno strumento da suonare esclusivamente con l'archetto...

Una decisa involuzione artistica, un'esagerazione che sa tanto di ricerca di uno "status symbol" artistico, col quale però la musica dei Lanterns On The Lake si appesantisce fino a diventare puro esercizio narcisistico.

 

(10/09/2011)



  • Tracklist
  1. Lungs Quicken
  2. If I've Been Unkind
  3. Keep On Trying
  4. Ships In The Rain
  5. A Kingdom
  6. Places We Call Home
  7. Blanket Of Leaves
  8. Tricks
  9. You're Almost There
  10. I Love You, Sleepyhead
  11. Not Going Back To The Harbour
Lanterns On The Lake su OndaRock
Recensioni

LANTERNS ON THE LAKE

Beings

(2015 - Bella Union)
Piccole variazioni e un po' di tiro in più nella proposta della band dream-pop inglese

LANTERNS ON THE LAKE

Until The Colours Run

(2013 - Bella Union)
Un ritorno problematico per la band dream-pop di Newcastle

LANTERNS ON THE LAKE

The Starlight Ep / Misfortunes And Minor Victories / Lungs Quicken

(2010 - Self-released)
Ripercorriamo la carriera di una promettente band inglese, all'insegna di un folk-pop di varia suggestione ..

News
Lanterns On The Lake on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.