Umberto

Final Exit

2012 (Black Moss) | dark-ambient

L'operato della piccola label italiana Black Moss (attiva anche nella home-taping) si allinea idealmente a quelle della Vade Retro e della Burial Hex. Il misterioso combo americano denominato Umberto (che in realtà pare sia composto da un solo elemento) ha inciso una manciata di Ep, in particolare per la Not Not Fun, in cui vengono ricalcate da vicino (anche troppo) le orme dei Goblin e le loro colonne sonore che vanno da "Zombi" a "Phenomena", rasentando in più punti il plagio bello e buono ai danno del buon Claudio Simonetti & Co. Si è parlato di Umberto persino sul prestigioso magazine inglese The Wire. Un referente recente del suo stile potrebbe essere quello degli Spettro Family (per il suo recupero di vecchie colonne sonore di film horror) e di James Ferraro (circa una certa attitudine collagistica di sapore electro-kitsch).

Questo singolare 12", da poco uscito solo in vinile e inciso solo sulla prima facciata, presenta solo un lungo brano dalla durata di un quarto d'ora. Il secondo lato è vuoto dato che, secondo le macabre intenzioni di Umberto, questo suo brano, "Final Exit", andrebbe inteso come un commiato d'addio prima di commettere un atto di suicidio e, quindi, non sarebbe possibile ascoltare anche il secondo lato. È sinceramente un senso dell'umorismo che stento a capire, anche l'immagine della copertina è tutt'altro che rassicurante. Musicalmente, questo lungo pezzo si distacca dal suo consueto stile di "copia-carbone" di pezzi vintage altrui e si situa nella dark-ambient più isolazionista. Un cupo e lento adagio catacombale si tramuta in una glaciale e astratta musica ambientale. Solo dal sesto minuto in poi, subentrano dei beat minimali che conducono in un finale quasi shoegaze, fatto di distorsioni celestiali e non lontano dalla dark-ambient cara ai primi gruppi della Projekt, come i Lovesliecrusching.

In definitiva, un intrigante biglietto da visita da cui aspettarsi nuovi sviluppi futuri. Approfittiamo per segnalare anche la prima uscita discografica della Black Moss, il "tape-dubut" di Slowmantra, "Pozzo d'Antullo" (2011), contenente puro black-metal in chiave minore e lo-fi, che imita le gesta del fosco black-metal avantgarde dall'enfasi wagneriana di Gnaw Their Tongues all'harsh-noise dei canadesi Wold.

(24/01/2012)

  • Tracklist
  1. Final Exit
Umberto su OndaRock
Recensioni

UMBERTO

Night Has a Thousand Screams

(2012 - Rock Action Records)
Carpenter, Goblin, Frizzi dentro il nuovo corpo orrorifico dell'artista americano



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.