Andrea Belfi

Wege

2012 (Room40) | abstract, experimental

"Wege", nuovo lavoro dell'ex-batterista e co-fondatore dei Rosolina Mar, immerge l'ascoltatore in un oceano cangiante di oscillazioni, timbri, risonanze e scissioni di pelli, tutto ottenuto grazie ad un sistema di connessione tra batteria, synth e feedback, messo a punto dallo stesso artista e ispirato agli esperimenti di Steve Reich.

Il nucleo essenziale dell'opera (che si avvale dell'apporto di Giuseppe Ielasi in cabina di regia) ruota attorno alle prime, lunghissime due tracce, vere e proprie suite nate dall'incontro con diversi artisti, tra cui Machinefabriek (con cui aveva già collaborato nel 2009 con i quattro movimenti di "Bronbron 15: Pulces & Places"), Stefano Roveda, Valerio Tricoli, Attila Faravelli e Greg Haines. Le manipolazioni sono sempre calcolatissime, mai eccessive, mirate al raggiungimento di un minimalismo psichico capace di mettere in stretta connessione ciò che è superficiale con ciò che, invece, vive nascosto tra i diversi granuli sonori.

Una connessione che segue sentieri (questa la traduzione del tedesco "wege") tutto sommato non impervi, anzi finanche godibili, con tratteggi western e umbratili vibrazioni neoclassiche in "B".
Con le ultime due tracce, invece, si va di defaticamento, anche se le texture timbrico-percussive di "D" sono tutt'altro che disprezzabili.




A

(12/04/2012)

  • Tracklist
  1. A
  2. B
  3. C
  4. D
Andrea Belfi su OndaRock
Recensioni

ANDREA BELFI

Ore

(2017 - Float)
Nuovo capitolo ambizioso e ipnotico per l'ex-Rosolina Mar

ANDREA BELFI

Natura morta

(2014 - Miasmah)
Il nuovo lavoro solista del batterista di ricerca, una visione sci-fi d’altri tempi

ANDREA BELFI

Knots

(2008 - Die Schachtel)
Primo album del compositore per Die Schachtel, tra ambient e post-rock

News
Andrea Belfi sul web