Edward Ka-Spel

Fire Island

2013 (autoprodotto) | avantgarde, electronic, ambient

Edward Ka-Spel non si ferma un attimo. Dopo aver rilasciato “This Saturated Land”, “One Last Pose Before The Ruin” e altri due mini-album autoprodotti in formato Cd-r, “Nature Of Illusions” e “Ulkomaalaiset”, è la volta di “Fire Island”.
Il piglio sempre più elettronico, nelle ultime fatiche soliste del cappellaio matto dei Legendary Pink Dots, è stavolta contaminato da inflessioni trip-hop e leftfield che, sì, affascinano ma non conquistano.

Brani come “A Step Too Far” e “One Big Happy Family” rimandano fortemente alle scritture apocrife di “Mezzanine”, mentre i bassi imperanti e le trame sintetiche, di gusto nipponico, che sgorgano da “Mr. Negative” accompagnano gli ormai celebri virtuosismi vocali di Edward. L’ambient bucolica e fluttuante di “Entrance & Illumination” è un interludio che lascia sostanzialmente invariato il canovaccio di lavori più recenti, come “Dream Loops”.
A cambiare scenario è la nostalgia pianistica di “The Sad Society”, che squarcia dolcemente il velo dietro cui si cela l’alienazione mentale di “Surfing The Volcano”: una lunga, estenuante immersione negli abissi dell’inconscio umano che trova ristoro nel suono delle onde marine, nella finale “Untitled”.

“Fire Island” è sicuramente un album minore, sintomo conclamato di una bulimia creativa che in certi momenti si dimostra sterile ma che al contempo, tra le pieghe delle iridescenti vesti indossate da Ka-Spel, mantiene pulsante il leitmotiv dell’avanguardia unita all’astrattismo.

(26/06/2013)

  • Tracklist
  1. A Step Too Far
  2. Mr. Negative
  3. Entrance & Illumination
  4. One Big Happy Family
  5. The Sad Society
  6. Surfing The Volcano
  7. Untitled
Edward Ka-Spel & Philippe Petit su OndaRock
Recensioni

EDWARD KA-SPEL & PHILIPPE PETIT

Are You Receiving Us, Planet Earth?!

(2014 - Rustblade)
Ka-Spel tra dark-ambient e psichedelia

EDWARD KA-SPEL

Tanith And The Lion Tree (ristampa)

(2012 - Cold Spring)
Uno dei lavori più riusciti del frontman dei Legendary Pink Dots

Edward Ka-Spel on web