Redrum Alone

De Redrum Remixes

2013 (Ufo Solar / Faro) | electro-pop

Esattamente a metà del 2012 avevamo parlato dei Redrum Alone, duo barese che mettendosi nel bagaglio il vocoder e qualche dei Daft Punk, l'amore per le macchine analogiche, la carica della migliore robot-tronica post-wave e qualche memoria dei primi Subsonica e soprattutto dei Motel Connection si era affacciato promettendo di fare faville. Nel giro di poco più di un anno, il pronostico è riuscito ad avverarsi con sorprendente rapidità, tanto che qualche giorno fa ce li siamo ritrovati a Milano, dal nulla, ad animare un Magnolia forse un po' vuoto per un venerdì gratuito, ma decisamente colpito dalla loro coinvolgente miscela mantrico-danzereccia.

La lente di ingrandimento dei recuperi datati 2013 è tornata così a porsi sul disco di remix che aveva seguito a fine autunno l'uscita dell'ottimo “De Redrum Natura”, proposto in versione ancor più danzereccia da una manciata di firme emergenti in gran parte provenienti dal sottobosco elettronico italiano. Una scelta decisamente low profile nonché un'ottima opportunità concessa da quella che rischia di essere nel giro di qualche mese una delle autentiche “big thing” del Belpaese. Sotto i ferri finisce dunque una selezione di brani provenienti dall'album di debutto del duo, che finisce in realtà per escludere le sole “Midnight”, “Emilia Paranoica”, “Redrum Alone” e, mancanza non da poco, l'ottima “She's Lost Control”.

Non sono pochi i nomi nuovi a mettersi in mostra per la prima volta nelle vesti di remixer: è il caso di Marco Connelli, titolare del curioso progetto di (autodefinita) elettro-toilette music Il Leprotto, che mette mano a “OniricAct Part 3” senza a dire il vero stupire più di tanto; del più interessante Daniele Uggetti, in arte Digitalica, che spinge vortici di elettroni e battiti sferraglianti sulla splendida “RevolutionAir”; dei misteriosi Mars Solar, che stendono un tappeto di luci limpide e intermittenti sull'altrettanto bella cyberballad “Remote”; o ancora i Noize Clash, che recuperano di nuovo “OniricAct Part 3” trasformandola in un estratto mancato di “Electric Café” dei Kraftwerk.

La parade dei nomi in grado di lasciare il segno vede invece in testa il talentuoso Digi G'Alessio – l'uomo del footwork in Italia – che sembra suonare “User Interface” per le strade di Londra con Traxman a ballare sul dancefloor, seguito dagli ottimi Bicycle Beat (impegnati nel rendere giocosa e frizzante “Remote) e dei folgoranti A Copy For Collapse, la cui “Enola Murder” è una cavalcata iperspaziale da capogiro autentico nonché sicuramente il remix più riuscito della collezione. Altrettanto da tenere d'occhio i due Clones Theory, che in “No Guitars Were Harmed In Making These Tracks” si avvicinano a Jon Hopkins senza rubarne l'identità.

A Steven Smirney e alla sua interpretazione di “User Interface” spetta infine il compito di rappresentare metà della faccia clubbing con una space-techno al retrogusto acido, presto costretta a far battaglia con la sophisti-house dei Tonsystem Klangkunst, berlinesi mancati già dal nome. Il tutto a chiusura di una collezione di rework equamente divisa fra alti interessanti e bassi nel peggiore dei casi innocui, in grado di offrire un'interessante prospettiva alternativa d'ascolto a “De Redrum Natura” e di mettere in luce potenziali protagonisti di un ipotetico made in Italy elettronico. Proprio mentre nel frattempo i Redrum Alone proseguono passo dopo passo la loro ascesa.

(13/01/2014)

  • Tracklist
  1. User Interface (Digi G'Alessio's Clap! Clap! Remix)
  2. OniricAct Part 3 (Il Leprotto Remix)
  3. RevolutionAir (Digitalica Remix)
  4. Remote (Mars Solar Remix)
  5. Enola Murder (A Copy For Collapse Remix)
  6. User Interface (Steven Smirney Remix)
  7. Remote (Bicycle Beat Remix)
  8. No Guitars Were Harmed In Making These Tracks (Clones Theory Remix)
  9. OniricAct Part 3 (Noize Clash Remix)
  10. User Interface (Tonsystem Klangkunst Remix)
Redrum Alone su OndaRock
Recensioni

REDRUM ALONE

De Redrum Natura

(2012 - Ufo Solar)
L'electro-pop made in Italy del promettente duo barese al debutto discografico

Redrum Alone on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.