Doug Paisley

Strong Feelings

2014 (No Quarter) | alt-country

Sembra quasi che Doug Paisley abbia ascoltato chi dall’inizio lo classifica come uno dei tanti cantautori canadesi emulatori più o meno espliciti di padre Neil, nel sentire questo “Strong Feelings” - quasi per evitare di dar loro torto. Dimenticandosi di aver scritto alcune delle melodie più limpide della scena cantautorale degli ultimi anni, per dedicarsi a un country-rock dal suono molto più spesso e dalla costruzione assai meno personale, molto affine alla linearità degli Uncle Tupelo.
Da Paisley, che di classe ne ha da vendere e lo mostra, comunque, anche in “Strong Feelings”, ci si aspetta decisamente di più che una dimostrazione di classe, appunto, applicata però a canzoni partorite da una scrittura troppo scialba per gli standard del canadese (troppi brani telefonati come “Where The Light Takes You”, con chiusura in stile Band).

Paisley riprende i suoi stilemi di arrangiamento caratteristici (il sommesso interloquire tra maggiore e minore in “Our Love”), oppure si affida a un ruspante alt-country elettrico per brani come “To And Fro”, in cui ricorda il Bonnie "Prince" Billy più spento, mettendo insieme un disco ineccepibile quanto smussato e confondibile con innumerevoli altri, a partire anche dalla sua traccia più “forte”, la ballata anni 70 di “Radio Girl”.

Un vero peccato, così, assistere alla normalizzazione – speriamo non una crisi di mezza età – di un cantautore che, tra molti, aveva saputo distinguersi sul terreno più impervio nel genere: quello della scrittura (musicale, in particolare).

(19/01/2014)



  • Tracklist
  1. Radio Girl
  2. Song My Love Can Sing
  3. It’s Not Too Late (To Say Goodbye)
  4. Our Love
  5. What’s Up Is Down
  6. Old Times
  7. Growing Souls
  8. To and Fro
  9. Where the Light Takes You
  10. Because I Love You
Doug Paisley su OndaRock
Recensioni

DOUG PAISLEY

Golden Embers

(2012 - No Quarter)
Un Ep fa da preludio al prossimo disco del cantautore canadese

DOUG PAISLEY

Constant Companion

(2010 - No Quarter)
Alla seconda opera del cantautore canadese è già tempo di instant classic

Doug Paisley on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.