Fabio Zuffanti

La Quarta Vittima

2014 (Ams) | prog-rock, jazz

A tre anni di distanza dalle personali riletture dei classici di Franco Battiato de “La Foce del Ladrone”, il genovese Fabio Zuffanti taglia il traguardo dei vent'anni di carriera con “La Quarta Vittima”, quinto album autografo di un artista che ha legato il suo nome anche a numerose formazioni italiane (Finisterre, La Maschera di Cera, Höstsonaten, Rohmer, laZona, Aries, Quadraphonic e R.u.g.h.e), esplorando ogni volta nuovi generi e temi.

Il nuovo viaggio di Zuffanti si snoda attraverso sette lunghi brani (solamente uno resta sotto i cinque minuti) per quasi un'ora di musica ispirata dal libro di racconti “Lo specchio nello specchio” di Michael Ende. Dal punto di vista musicale, invece, l'approccio del compositore ligure è decisamente estroverso: accompagnato da un piccolo esercito di validi strumentisti, Zuffanti devia il prog-rock verso accenti jazz, psichedelici, folk, heavy.
La rapsodia “Non Posso Parlare Più Forte” è in tal senso esplicativa: ritmi sincopati e doppia cassa, il flauto di Gian Marco Pietrasanta a dare il là alla cavalcata epica che si spegne nelle liquide contemplazioni ispirate (ancora una volta) dal maestro catanese, infine il lungo assolo di chitarra elettrica a lanciare il crescendo jazz-rock che chiude il brano.

Più lineare, ma ugualmente sofisticato, è il percorso di “La Certezza Impossibile”, che nasce in chiave acustica e aumenta il pathos con il passare dei minuti, tra reminiscenze di Carlos Santana e un evidente omaggio ai Pink Floyd nel lungo assolo finale. “L'Interno di un Volto” torna a bazzicare atmosfere epiche, “La Quarta Vittima” si incanala in un trip tanto caleidoscopico quanto astratto, una sorta di jam fusion che all'improvviso trova la strada e pigia sull'acceleratore.
Anche in “Sotto un Cielo Nero” si continua ad ammiccare al jazz, ma con un registro tutto nuovo: se pianoforte e violino aprono e chiudono il brano all'insegna di una melanconia vagamente psichedelica, il nucleo centrale appare caotico e spettrale, a tratti barocco. “Il Circo Brucia” intraprende la strada del funk, “Una Sera d'Inverno” è un atto finale aggraziato e minimale, la necessaria quiete dopo la lunga e perigliosa traversata nel mare magnum sonoro di Fabio Zuffanti.

(08/01/2014)

  • Tracklist
  1. Non posso parlare più forte
  2. La certezza impossibile
  3. L'interno di un volto
  4. La quarta vittima
  5. Sotto un cielo nero
  6. Il cerchio brucia
  7. Una sera d'inverno
Fabio Zuffanti su OndaRock
Recensioni

FABIO ZUFFANTI

In/Out

(2019 - AMS)
Messe da parte le scorribande prog, ecco una nuova pagina di illuminato cantautorato

FABIO ZUFFANTI

Amore onirico Ep

(2017 - AMS Records)
Breve esperienza cantautoriale per il campione del progressive italiano

FABIO ZUFFANTI

La foce del ladrone

(2011 - Long Song)
Il genio genovese alle prese con un ricalco sui generis del classico di Battiato

FABIO ZUFFANTI

Ghiaccio

(2010 - Mellow Records)
Il chitarrista dei Finisterre alle prese con il più gelido cantautorato elettronico

News
Fabio Zuffanti on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.