Telesplash

Non è più poesia

2015 (Tirreno Dischi) | pop, songwriter

I Telesplash arrivano da Ponticino, provincia di Arezzo, e questo è il loro terzo disco. La loro proposta è fatta di canzoni leggere cantate in italiano con l’idea che suonino fresche, moderne e non banali. C’è una certa attenzione alla qualità, quindi, ma non la si vuole affatto far pesare e si vuole far sì che essa venga veicolata in canzoni immediate e per nulla impegnative da ascoltare. Una missione non facile, ma che è stata pienamente portata a termine dalla band.

Sicuramente l’ascoltatore che si approccia a questo disco è incuriosito innanzitutto dall’apparizione di Pupo, concittadino del gruppo, che duetta con il cantante in “Freddo”. Le due voci assieme stanno bene e l’interazione viene ulteriormente arricchita da cori beatlesiani nel ritornello. E a proposito di Beatles, una particolarità dei Telesplash è che, dal punto di vista del suono, c’è poco di italiano e molto di inglese, con un misto tra suoni attuali e ispirazioni a un passato importante come il lato più pop dei Clash, oltre ai Fab Four. Gli arrangiamenti sono sempre dinamici, con una sezione ritmica mai banale e chitarre e tastiere sempre colorate nella maniera giusta. Inoltre le melodie sono sempre efficacissime e davvero tutte le canzoni avrebbero le potenzialità per piacere a un pubblico ampio, incluso chi non si accontenta delle facilità di ascolto ma ha qualche pretesa in più.

Per la riuscita del disco, hanno poi grande importanza la parte vocale, grazie a un timbro caldo e espressivo che sa comunque adattarsi alla leggerezza della struttura musicale, e i testi, sotto un duplice ordine di pregi. Dal primo punto di vista, piace il fatto che non ci siano mai forzature nella metrica, non apparendo mai quei fastidiosi spostamenti di accento che tendono a togliere credibilità al risultato. La seconda qualità dei testi è la loro scrittura in sé, poiché le tematiche trattate, che riguardano vari aspetti della vita quotidiana, vengono affrontate con le parole giuste, che richiamano i pregi della parte musicale, ovvero sono semplici ma mai scontate e sempre efficaci.

I Telesplash sono quindi stati in grado di confezionare un disco che mescola bene la lingua italiana con influenze musicali inglesi e che risulta decisamente solido sotto ogni punto di vista. Da ascoltare.

(06/03/2015)



  • Tracklist
  1. Pioggia e sole 
  2. Somebody (Needs to Love) 
  3. Freddo 
  4. Di che segno sei 
  5. La coppa 
  6. Come se la domenica (Odio il lavoro) 
  7. Canzone per uno studente 
  8. Questione di stile 
  9. Crollano
Telesplash su OndaRock
Telesplash on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.