The Phantom Band

Fears Trending

2015 (Chemikal Underground)) | folk, rock, kraut

Che dietro le memorabili pagine di “Strange Friend” si celasse un lato oscuro era immaginabile, ma che Redbeard e compagni avessero in serbo uno spin-off e che vedesse la luce in un tempo così breve sorprende non poco. Nato dalle stesse session, “Fears Trending” ripropone lo stesso collage di folk, kraut e rock con uno spettro sonoro più plumbeo, e con il ritmo che prende per mano vento e polvere per scompigliare e ampliare il tono narrativo della loro proposta; stesso palco e stesso pubblico (esiguo, purtroppo) per una performance creativa che, pur in appendice a un tomo sonoro più complesso e definito, suona invece più evocativa e diretta, conciliando maggiormente il mondo delle immagini con quello del suono e della parola.

Autore di uno dei pochi idiomi sonori originali e rimarchevoli degli ultimi anni, il gruppo scozzese ha il potere di introdurre stracci elettronici tra le pieghe di un folk-rock senza perdere in genuinità già dall’iniziale “Tender Castle”, tra chitarre che scendono come una cascata, incrociando ritmi e voci la cui epicità è pari al loro valore lirico. Quando le tenebre avvolgenti di “Dark Tape” prendono il sopravvento, si resta ancor più sorpresi dalla capacità di Rick Redbeard nel trasformare con la sua voce atmosfere e stati emotivi nello spazio dei pochi minuti di una canzone: gothic-folk e doom si agitano impetuosi per uno dei brani più intensi della loro carriera.
Che “Fears Trending” sia il lato oscuro di “Strange Friend” è ancor più evidente quando i sette minuti abbondanti di “The Kingfisher” estrapolano da Doors e Nick Cave (un po’ alla maniera di Scott Walker) le atmosfere più lisergiche e sofferte dell’album, scardinandone le regole con cambi di tempo e trascinando organo e batteria (del sempre più diabolico Ian Stewart) verso l’orgia finale.
La magia e l’inventiva sono una presenza costante, ed ecco che in “Denise Hopper” la Phantom Band rispolvera alcune trame jazz in chiave dark-rock con una cavalcata ritmica che per un attimo fa pensare ai Wall Of Voodoo.

Quanto finora esposto farebbe già la gioia di qualsiasi gruppo ultradecorato, e invece c’è ancora tanta carne al fuoco, a partire dalla splendida modernizzazione delle danze folk a ritmo di jig o square-dance di “Local Zero”, passando per il pop-rock di “Spectrelegs”, che insegna agli U2 come si può essere accattivanti senza perdere dignità, concludendo con una poetica ballata “Olden Golden,”che riagguanta le nuance folk delle origini omaggiando Alasdair Roberts, che è anche guest star in “Tender Castle”.

Per tutti quelli che avevano paura che “Fears Trending” (anagramma di “Strange Friends”) fosse un semplice compendio, state sereni. Le sette tracce dell’album sono solo l’ennesima dimostrazione della grandezza di una band ancora troppo sottovalutata da pubblico e critica: un mix di melodie e ritmi che riscalderà le vostre fredde giornate di febbraio.

(13/02/2015)

  • Tracklist
  1. Tender Castle 
  2. Local Zero 
  3. Denise Hopper
  4. Dark Tape 
  5. Spectrelegs
  6. The Kingfisher
  7. Olden Golden
Phantom Band su OndaRock
Recensioni

PHANTOM BAND

Strange Friend

(2014 - Chemikal Underground)

Musica celtica, kraut-rock e space-rock nel terzo album degli eredi della Beta Band

THE PHANTOM BAND

The Wants

(2010 - Chemikal Underground)
Gran classe e originalità nella sorprendente metamorfosi della band scozzese

THE PHANTOM BAND

Checkmate Savage

(2009 - Chemikal Underground)
Da Glasgow una band kraut-rock/folk all'esordio

The Phantom Band on web