Paolo Spaccamonti & Ramon Moro

I cormorani OST

2016 (Dunque, Superbudda) | soundtrack, post-rock, ambient

Non ho ancora avuto modo di vedere “I cormorani”, il nuovo film di Fabio Bobbio. Sapere però che al centro della storia riversata su pellicola dal regista eporediese ci sono due ragazzini, Matteo e Samuele, alle prese con il passaggio dall'infanzia all'adolescenza, e che in questa transizione ricorrono frequentemente alcuni elementi paesaggistici (il fiume, il bosco, il centro commerciale…), potrebbe di primo acchito rimandare me, futuro spettatore, a un tipo di introspezione molto caro alla poetica di Jim Jarmusch.

Assaporare in anteprima la colonna sonora firmata dal chitarrista torinese Paolo Spaccamonti, che il cinema ce l'ha nel sangue, e dal trombettista Ramon Moro (3Quietmen), con alle spalle collaborazioni apparentemente antipodiche al fianco di artisti come Butch Morris e l'ormai warp-iano Lorenzo Senni, non scredita affatto l'impressione iniziale. Anzi, la corrobora. Le dieci tracce che compongono l'album permettono infatti di percepire appieno le immagini, i luoghi e gli stati d'animo raccontati ancor prima di entrare in sala di proiezione. Questo perché la chitarra distorta, la tromba effettata e le incursioni elettroniche (curate da Gup Alcaro) non fungono da puro e semplice “commento sonoro”: sono attori che vivono con la celluloide un rapporto simbiotico, proprio come la Les Paul torturata da Neil Young con “Dead Man” o l'orchestra condotta da Riz Ortolani con “Mondo cane”, per citare due casi esemplari.

Provate, quindi, a non accendere l'immaginazione, ascoltando i drammatici arpeggi di “So Far” o ammirando i paesaggi che si schiudono con le note asperse dalla tromba di Moro in “Il ritorno”. Provate a non empatizzare con i giovanissimi protagonisti del film, anche se ancora non l'avete visto, abbandonandovi ai brani che portano i loro nomi. Cercate di non perdervi nel bosco battuto da Matteo e Samuele, mentre vi fate cogliere dalle scarne atmosfere à-la Jozef Van Wissem di “Passage”, e di non sussultare nel rapido susseguirsi di inquietudini scandito da “Malesia” e “Sotterranei”.

Tentate, infine, di non farvi travolgere dall'incantevole post-rock della title track, ammantato di venature acustiche sognanti in stile “July Skies”, per poi scivolare nell'ambient siderale di “End”. Provateci. Saranno sfide raccolte invano.
E se questi dieci piccoli gioielli sono solo un assaggio del film, allora procuriamoci al più presto “I cormorani”… L'opera completa, ovviamente.

(23/01/2017)



  • Tracklist
  1. So Far
  2. Il ritorno
  3. Guerra di bande
  4. Matteo
  5. Passage
  6. Malesia
  7. Sotterranei
  8. Sam
  9. I cormorani
  10. End
Arbeit & Spaccamonti su OndaRock
Recensioni

ARBEIT & SPACCAMONTI

CLN

(2018 - Boring Machines, Escape From Today)
Il chitarrista torinese e l'Einstürzende Neubauten in un libero confronto a 12 corde dai risultati ..

PAOLO SPACCAMONTI

Rumors

(2015 - Santeria, Escape From Today)
Terzo capitolo nella discografia dalle tinte cinematografiche del chitarrista torinese

SPACCAMONTI/ PILIA

Frammenti/ Stand Behind The Men Behind The Wire Split Lp

(2013 - Escape From Today, Brigadisco)
I due chitarristi italiani tra post-rock cinematografico e poliedriche sperimentazioni

PAOLO SPACCAMONTI

Undici Pezzi Facili

(2009 - Bosco Rec.)
Dodici strumentali post-rock di matrice cameristica per il musicista torinese

Paolo Spaccamonti & Ramon Moro on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.