Veil Of Light

Front Teeth

2017 (Avant!) | ebm, post-punk, darkwave

Veil Of Light torna con un nuovo album, questa volta pubblicato per Avant!. "Front Teeth" segna una decisa svolta per il progetto svizzero nato nel 2012. Anche la copertina, per la prima volta a colori, marca un po' la diversità rispetto alle precedenti uscite su cassetta e vinile per la svedese Beläten e la tedesca [aufnahme + wiedergabe], tutte rigorosamente in bianco e nero.
Il darkwave/post punk contaminato da bordate shoegaze (tanto che era stato utilizzato il termine gothgaze) qui vira decisamente sull'Ebm e sul versante synth-wave con una ritmica adrenalinica e di forte appeal che avvicina il lavoro ad altre uscite targate Avant! come Pure Ground e Qual.

Il brano "Soul In Ethanol", uscito in anteprima video un po' di tempo fa, è un punto di contatto con il passato recente ma fin dall'inizio del disco, con un episodio come "Your Love", veniamo proiettati in una dimensione più sintetica e sfacciatamente coldwave, con ritmiche serrate e metalliche.
Nello specifico, "Cut Fingers" e "Bridgs Of God" ricordano un po' certe cose di Qual, progetto solista di William Maybelline dei Lebanon Hanover, specie per le atmosfere gloomy che contrastano con l'adrenalina scaturita del ritmo della drum machine. Notevoli le accelerazioni Ebm di "Sturm und Drang" e di "Soft Palate", che confermano come l'album sia sicuramente adatto a un dancefloor per "Young Black Rebels", parafrasando il titolo di un brano dei Pankow.

Gli appassionati di certe sonorità apprezzeranno sicuramente la cura con cui sono state disseminate certe citazioni, come quella dei Kraftwerk, abilmente nascosta nelle pieghe di "Under A Sun That Never Sets".
Un brano come "Fight Fire With Fire" non faticherà a ritagliarsi il suo spazio nel cuore di ogni appassionato del neo-post punk elettronico degli anni Dieci.

"Front Teeth", insomma, pur non brillando per originalità, suona sincero e diretto con un'ottima padronanza della materia e una buona capacità di costruire brani dall'impatto sicuro e coinvolgente. Decisamente consigliato, specie per i cultori di certe sonorità ma non solo.

(03/05/2017)



  • Tracklist
  1. Your Love
  2. Soul In Ethanol
  3. Cut Fingers
  4. Sturm Und Drang
  5. Cut Out Your Name
  6. Soft Palate
  7. Bridges Of God
  8. Body To The Ceiling
  9. Under A Sun That Never Sets
  10. Fight Fire With Fire


Veil Of Light su OndaRock
Recensioni

VEIL OF LIGHT

Inflict

(2019 - Avant!)
Il duo svizzero tiene assieme una sensibilità post-punk con un sound elettronico tra darkwave ..

Veil Of Light on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.