Nine Inch Nails

Ghosts V-VI

2020 (Null Corporation) | ambient, industrial

Nato come “tentativo di non impazzire” in un mondo schiacciato dalla pandemia, dalla quarantena e dall'isolamento forzato, “Ghosts V-VI” è il regalo di Trent Reznor & Atticus Ross ai fan in un momento storico tanto tragico. Rilasciati come download gratuito il 26 marzo, i due album continuano il percorso intrapreso nel 2008 con “Ghosts I - IV”, probabilmente con maggiore padronanza dopo le numerose esperienze di colonna sonora del duo degli ultimi dieci (“The Vietnam War”, “Bird Box”, “Patriots Day” ecc).

Un lunghissimo viaggio di due ore e mezza di musica strumentale, divisi in due parti, “Ghosts V - Together” e “Ghosts VI - Locusts”. “Together” si volge deciso in territori ambient di sicuro stampo eniano, con invito sin dai titoli a tenere duro ("Letting Go While Holding On"). Percussioni, piano, synth, vibrafoni e rare chitarre che si intersecano con mestiere innegabile, sempre capaci di ritrovare un punto di equilibrio in ognuno degli otto brani. I momenti migliori si ritrovano nelle gioiose percussioni del finale di “With Faith”, nelle lente note ipnotiche di piano di "Hope We Can Again", nelle atmosfere rarefatte e pregne di ottimismo di “Together” e nelle improvvise accelerazioni elettroniche di “Still Right Here”, ma l’album complessivamente appare derivativo, seppur suonato e composto con uno stile sempre personale.

Se il primo capitolo sembra percorrere il tentativo di approccio ottimistico al lockdown, tentativo di apprezzare la propria solitudine alla riscoperta del proprio Io profondo, del silenzio perduto nella frenesia quotidiana, il secondo capitolo abbandona ogni ottimismo per entrare nella psicosi pulsante, nella paranoia dell'isolamento forzato, nell'improvvisa apparizione di una gabbia non percepibile poco giorni prima.
“Locusts" parte con la nota di piano ribattuta di “The Cursed Clock”, escursione paranoica nel pianismo del 900, tanto affascinante quanto inquietante. Segue “Around Every Corner”, ancor più claustrofobica e angosciante, un loop di piano che si ripete, simile alle atmosfere dei Goblin, con un lungo bordone di synth a sovrastare, trasportandoci dal minimalismo al jazz fumoso e nero del Dale Cooper Quartet, fino a un muro di suono quasi branchiano che cresce inesorabilmente, sino a dissolversi in un finale ambient. Una nuova perla dei Nine Inch Nails.

Il jazz torna in “The Warriment Waltz”, ma è sempre un jazz lento e disperato, con una melodia che naviga tra il valzer e il disincanto, un piano melodico sommerso da fiati tenebrosi che danno spazio a un nuovo percorso di synth prettamente dark. I battiti ossessivi di vibrafono si uniscono a un pattern di piano giocoso, in un tipico esperimento sonoro di Steve Reich (due pattern sonori diversi che si ripetono sovrapponendosi) e rendono “When It Happens (Don’t Mind Me)” una nuova prodezza tra avanguardia e inattese svolte melodiche, a cui si aggiungono le note di un dulcimer nel finale. Dopo una serie di brevi esperimento sonori di piano, tutti da ascoltare con attenzione, si giunge ai tredici minuti di “Turn This Off Please”, un ritorno all'industrial più tenebroso e martellante, come da psicosi in fase ormai avanzata.

Impossibile non notare la differenza tra i due Lp, seppur assimilabili in un unico progetto. Il voto è una media tra un 6,5 di "Together" e un 7,5 di "Locusts".

(23/04/2020)



  • Tracklist
Ghosts V: Together

  1. Letting Go While Holding On
  2. Together
  3. Out in the Open
  4. With Faith
  5. Apart
  6. Your Touch
  7. Hope We Can Again
  8. Still Right Here

Ghosts VI: Locusts

  1. The Cursed Clock
  2. Around Every Corner
  3. The Worriment Waltz
  4. Run Like Hell
  5. When It Happens (Don’t Mind Me)
  6. Another Crashed Car
  7. Temp Fix
  8. Trust Fades
  9. A Really Bad Night
  10. Your New Normal
  11. Just Breathe
  12. Right Behind You
  13. Turn This Off Please
  14. So Tired
  15. Almost Dawn






Nine Inch Nails su OndaRock
Recensioni

NINE INCH NAILS

Bad Witch

(2018 - The Null Corporation)
Trent Reznor conclude l'attesa trilogia con un full-length a sorpresa

NINE INCH NAILS

Add Violence

(2017 - The Null Corporation)
La formazione di Trent Reznor torna con il secondo atto della trilogia Ep

NINE INCH NAILS

Not The Actual Events

(2016 - The Null Corporation)
Rilanciati da "Twin Peaks", Reznor & C. tornano ai fasti di un tempo con un Ep di pura violenza

NINE INCH NAILS

Hesitation Marks

(2013 - Null Corporation / Columbia)
Il ritorno della creatura di Trent Reznor in una nuova veste

NINE INCH NAILS

Ghosts I - IV

(2008 - The Null Corporation)
Reznor firma una raccolta di pezzi strumentali, in vendita online

NINE INCH NAILS

The Slip

(2008 - The Null Corporation)
Nuovo album in formato digitale per la band di Trent Reznor

NINE INCH NAILS

Year Zero

(2007 - Interscope Records)
Il nuovo, convincente assalto sonoro di Trent Reznor

NINE INCH NAILS

With Teeth

(2005 - Interscope)

NINE INCH NAILS

The Downward Spiral

(1994 - Interscope)
Il capolavoro del progetto di Reznor e una delle massime espressioni dell'industrial-rock

News
Live Report
Nine Inch Nails on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.